Testo CCNL Istruzione e Ricerca

Home » Università » AFAM » Precari » AFAM: pubblicato il decreto direttoriale per l’assunzione del personale precario nei ruoli dei tecnici amministrativi

AFAM: pubblicato il decreto direttoriale per l’assunzione del personale precario nei ruoli dei tecnici amministrativi

Annunciato inoltre l’iter di autorizzazione per ulteriori assunzioni di personale. Soddisfazione della FLC CGIL.

21/06/2018
Decrease text sizeIncrease  text size

Il MIUR ha pubblicato sul suo sito, nella parte relativa al settore AFAM, il decreto direttoriale 1627 del 21 giugno 2018 con l’elenco del personale tecnico amministrativo avente titolo all’assunzione a tempo indeterminato con decorrenza giuridica 1 novembre 2016. Vedi anche la nota ministeriale 8103 del 21 giugno 2018.

Il numero di 103 unità di personale è quello rilasciato dal parere del Ministero dell’Economia e delle Finanze, a fronte di una richiesta del MIUR di 168 assunzioni. Contro questa decisione del MEF la FLC CGIL ha protestato più volte per l’ingiustizia che arrecava ai numerosi precari che da anni attendono la loro stabilizzazione e ha chiesto più volte che si procedesse in tempi brevi alla ricognizione dei posti liberi, utili per le assunzioni.

Con una nota contemporanea al Decreto direttoriale, il MIUR comunica che a breve avvierà l’iter di autorizzazione per l’assunzione a tempo indeterminato di ulteriori unità di personale amministrativo e tecnico che alla data del 31 ottobre 2018 abbia maturato il requisito utile per la stabilizzazione.
In precedenza, nel mese di aprile, era stato comunicato alle istituzioni AFAM di non procedere a conversioni di organico  che ledessero il diritto dei precari che erano in posizione utile per la stabilizzazione.

La FLC CGIL esprime soddisfazione perché finalmente si pone fine all’attesa del Decreto che autorizzasse le 103 stabilizzazioni e contemporaneamente si avvia l’iter di ulteriori stabilizzazioni che depone a favore di una messa a regime del rapporto posti liberi e stabilizzazioni.

Il superamento del precariato è basilare per garantire l’offerta formativa delle istituzioni e come sempre siamo in prima linea per riconoscere i diritti di quanti anche da precari mettono a disposizione la loro professionalità.