Testo CCNL Istruzione e Ricerca

Home » Università » Precari » Studenti e 'Ricercatori Determinati' in piazza il 14 dicembre

Studenti e 'Ricercatori Determinati' in piazza il 14 dicembre

Manifestazione nazionale a Roma, appuntamento in Piazza Vidoni alle ore 14.

11/12/2018
Decrease text sizeIncrease  text size

Dopo le assemblee negli atenei di questi mesi in cui si è discussa e approfondita la Piattaforma "Stesso Lavoro. Stessi Diritti. Perchè Noi No? e dopo l'Assemblea Nazionale dello scorso 17 Novembre a Roma, i Ricercatori Determinati si sono resi protagonisti, insieme agli studenti, di azioni di protesta in più di 15 atenei in tutta Italia giovedì 6 dicembre, sfociate nel pomeriggio nell'occupazione dell'Aula del Senato Accademico dell'Università La Sapienza di Roma in cui vi è stato un confronto con alcuni parlamentari di maggioranza e opposizione e col viceministro, con delega all'università, Fioramonti.

Manifestazione precari università 14 dicembre 2018

Centinaia di precari dell'università si sono mobilitati dopo anni di applicazione della Gelmini e dopo consecutivi tagli al reclutamento e all'FFO e per rivendicare in Legge di Bilancio 2019 risorse pari ad 1,5 mld di euro per assorbire il precariato storico pari a 20.000 unità, aprire un pre-ruolo unico per dare avvio un reclutamento ordinato e ciclico, per dare dignità contrattuale ai docenti a contratto, per lo sblocco del turn-over e il superamento dei punti organico, per il ruolo unico della docenza.

Il 14 dicembre 2018 dalle ore 14 alle ore 17,30 a Piazza Vidoni (Ministero della Funzione Pubblica) si terrà una Manifestazione Nazionale degli Studenti e dei Ricercatori Determinati al fine di dare continuità alle proposte e alle rivendicazioni nelle ore in cui si discuterà la Legge di Bilancio.

Una Manifestazione Nazionale che si pone l'obiettivo di continuare il percorso fino a quando il Governo e l'arco parlamentare non accolgano questa prospettiva con investimenti adeguati e un iter legislativo necessario.

In un video l'appello alla partecipazione di studenti e precari della ricerca e della didattica di tutto il Paese e alle forze politico-parlamentari a partecipare e a confrontarsi in piazza in un'assemblea pubblica.

L'Università non si svende per un P(i)atto di Stabilità!