Testo CCNL Istruzione e Ricerca

Home » Università » Precari » Un appello di docenti universitari contro il precariato negli atenei italiani

Un appello di docenti universitari contro il precariato negli atenei italiani

Maggiori risorse in bilancio, un reclutamento straordinario di nuovi ricercatori e una riforma del pre-ruolo.

09/11/2018
Decrease text sizeIncrease  text size

Nei nostri atenei più di centomila persone sono impegnate in attività didattiche e di ricerca. Ma solo poco più di 50.000 hanno contratti a tempo indeterminato o “in tenure”. Oltre il 90% dei giovani che intraprendono un percorso di ricerca nei nostri sono costretti ad abbandonare per mancanza di opportunità e di risorse, spesso dopo molti anni di contratti intermittenti, ad un’età lavorativa avanzata e senza particolari sbocchi. I numeri del precariato universitario sono drammatici e si accompagnano alla lenta e progressiva riduzione del corpo docente, alla contrazione dei finanziamenti al sistema universitario, alla mancanza di opportunità di riconoscimento del valore scientifico e didattico per tantissimi studiosi.

In queste settimane si sono tenute nei nostri atenei molteplici assemblee di ricercatori a tempo determinato, assegnisti, dottorandi e collaboratori con l’obiettivo di chiedere all’attuale governo un complessivo piano di investimenti finanziari e di reclutamento per l’Università italiana.

Questo percorso di discussione e di mobilitazione vedrà una tappa importante di sviluppo il prossimo 17 novembre, con un’assemblea nazionale del coordinamento “Ricercatori Determinati” che si terrà a Roma (Perché noi no?).

Allo stesso tempo, per tornare a porre l’attenzione sul dramma rappresentato dalle intelligenze e competenze che il nostro paese produce e abbandona, un gruppo di docenti, anche della FLC, ha promosso un appello e una raccolta di firme per un piano straordinario per affrontare la questione del precariato universitario.

Sottoscrivi l’appello. Invia una email a per.precari.uni@gmail.com.
Le firme all’appello.

La FLC CGIL e l’ADI hanno da subito sostenuto questo percorso di confronto e di iniziativa dei precari dell’Università. La FLC CGIL, al contempo, sostiene l’appello dei docenti in ruolo sul precariato universitario. La nostra organizzazione si fa quindi carico di promuovere entrambe queste iniziative: infatti farà quanto possibile far crescere negli atenei italiani e nel paese la consapevolezza che stiamo frustrando le aspirazioni e il valore di intere generazioni di giovani studiosi oltre che dell’intero corpo docente. È nostro auspicio che questa iniziativa possa contribuire a saldare le proteste di studenti, precari e docenti strutturati che stanno crescendo in queste settimane negli atenei italiani intorno alla richiesta di politiche di vero finanziamento del sistema universitario, di valorizzazione dei nostri atenei e di coloro che vi lavorano, di rafforzamento del diritto allo studio.