Contro la regionalizzazione del sistema di istruzione fima anche tu

Home » Università » Si allarga il fronte della protesta contro il DDL Gelmini sull’Università

Si allarga il fronte della protesta contro il DDL Gelmini sull’Università

Le associazioni e le organizzazioni sindacali dell’Università approvano un documento sul DDL Gelmini e sostengono la partecipazione al presidio del 14 ottobre alla Camera

12/10/2010
Decrease text sizeIncrease  text size

Nella giornata di ieri le Associazioni ed Organizzazioni Sindacali dell'Università hanno approvato un documento unitario di forte critica al DDL Gelmini sull’Università invitando tutto il personale a partecipare al presidio del 14 ottobre che si terrà alla Camera a partire dalle ore 10 in concomitanza con l'avvio della discussione parlamentare.

___________

ADI, ADU, ANDU, CISAL, CISL-Università, CNRU, CNU, FLC-CGIL,
LINK-Coordinamento Universitario, RDB-USB, SNALS-Docenti Università,
SUN, UDU, UGL-Università e Ricerca, UILPA-UR, Rete 29 aprile

Anche il testo del DDL approvato dalla Commissione Cultura della Camera non accoglie nessuna delle principali proposte di modifica avanzate dalle Organizzazioni universitarie e dal movimento di protesta che sta sempre più coinvolgendo tutto il mondo universitario (professori, ricercatori, precari, tecnico-amministrativi, studenti).

Al contrario, risulta confermata l’intenzione di scardinare il Sistema nazionale dell’Università pubblica, attraverso:

  • la drastica riduzione delle risorse e l’ulteriore divaricazione fra pochi Atenei ‘eccellenti’ e tutti gli altri;

  • la scarsa considerazione delle esigenze della ricerca;

  • il ridimensionamento della già ridotta autonomia degli Atenei;

  • il drastico ridimensionamento dei docenti di ruolo, con la costituzione di una ‘base’ amplissima di precari, senza reali prospettive di accesso alla docenza;

  • la messa ad esaurimento dei ricercatori, ai quali non si riconosce neppure il ruolo docente effettivamente svolto;

  • lo svilimento della figura dell’associato;

  • il ridimensionamento del ruolo del personale tecnico-amministrativo;

  • lo snaturamento del diritto allo studio con la delega al Governo e l’introduzione del Fondo per il Merito che eroga prestiti e premi, sostituendo le borse, con criteri che non considerano le condizioni economiche degli studenti.

E’ sempre più evidente che si vuole abbandonare l’idea stessa di una Università pubblica, autonoma, democratica, di qualità e aperta a tutti.

Chiediamo al Governo e al Parlamento un atto di responsabilità: si sospenda l’iter del DDL e si apra finalmente un serio e ampio confronto con l’Università, evitando di interloquire esclusivamente con chi non la rappresenta e con chi ha l’interesse a monopolizzare la gestione delle risorse pubbliche destinate alla ricerca e all’alta formazione.

Si invitano tutte le componenti universitarie a continuare e a intensificare la protesta e, in particolare, a partecipare alla manifestazione del 14 ottobre 2010 davanti alla Camera, a partire dalle ore 10

Roma, 11 ottobre 2010