Giuseppe Di Vittorio "maestro": le parole, il sapere, le idee

  • 10:30

    Buongiorno a tutti, dice Enrico Panini, segretario generale della FLC Cgil, in particolare a Baldina Di Vittorio. In questo stesso teatro si tenne il 1° Congresso della CGIL. Oggi ripercorreremo insieme il profilo nascosto di un grande compagno come Di Vittorio. Combattere l'analfabetismo e porre la questione della scolarizzazione è sempre stato al centro degli obiettivi della CGIL per liberare le persone e riscattarle da una situazione di schiavitù.

    Anche Di Vittorio dovette abbandonare la scuola a causa della morte del padre; il tema del sapere e la lotta all'esclusione sono sempre stati al centro delle sue preoccupazioni. La vita e l'azione di Di Vittorio si sono fortemente intrecciate con quella dei braccianti, che oggi non ci sono più perchè si sono emancipati, lasciando il posto ai nuovi braccianti che vengono da altri paesi, che magari hanno un diverso colore della pelle, che subiscono profonde ingiustizie. Domani a Foggia manifesteremo per la dignità del lavoro, per l'affermazione dei diritti, la legalità, contro lo sfruttamento.

    Da una citazione di Di Vittorio: "...io sono un evaso da quel mondo dove impera l'ignoranza... ma tutti i nostri tentativi devono essere fatti per liberare questi nostri fratelli...". Più che le parole, si tratta di un programma di lavoro e un impegno. Lo stesso programma e lo stesso impegno della Cgil e della FLC.

  • 10:00

    L'Iniziativa si apre con canti popolari pugliesi e con la proiezione, molto suggestiva, di immagini della vita di Di Vittorio. Due musicisti, flauto traverso e chitarra, accompagnano lo scorrere delle immagini. Subito dopo vengono letti brani della biografia di Di Vittorio riferiti, in particolare, alla sua sete di cultura, alla sua continua ricerca della conoscenza e del sapere come strumenti di emancipazione delle classi più umili per il riscatto nel lavoro e nella società.

    Luciana Gramegna, segretaria della CGIL Puglia, apre il convegno portando il saluto della Confederazione pugliese e dà la parola al Segretario generale della FLC Cgil Enrico Panini.

  • 09:45

    Siamo nel teatro Piccinni, una sede particolarmente prestigiosa, dove il 28 gennaio 1944 si tenne la prima riunione del CLN e dove, il giorno seguente, ebbe luogo la prima riunione nazionale di ricostruzione della CGIL, nella quale fu eletto segretario Bruno Buozzi. Una sede, quindi, che richiama alla nostra memoria i valori del lavoro e dell'antifascismo e ai quali è ispirata la nostra Costituzione repubblicana.

    L'iniziativa di oggi si svolge nel quadro delle celebrazioni per il Centenario della Cgil del 2006 e per il 50° della scomparsa di Giuseppe Di Vittorio che ricorrerà nel 2007.

    Obiettivo del Convegno è quello di ricostruire un pezzo della identità della CGIL e quindi un pezzo della cultura del nostro Paese attraverso la rilettura delle parole e del pensiero di Di Vittorio.

    Vai al video realizzato dalla FLC Cgil

FERMIAMO L’AUTONOMIA DIFFERENZIATA!

Nei prossimi giorni potrai firmare
per il referendum abrogativo.

APPROFONDISCI