Iscriviti alla FLC CGIL

Home » Attualità » 24 marzo: verso lo sciopero globale per il clima, la pace e il disarmo

24 marzo: verso lo sciopero globale per il clima, la pace e il disarmo

Per un futuro possibile: alla sala convegni del CNR confronto promosso da FLC e FFF.

17/03/2022
Decrease text sizeIncrease  text size

L’istruzione e la scienza saranno in sciopero il prossimo 25 marzo, condividendo i contenuti dell’appello di Fridays For Future Italia che denuncia la crisi climatica ed ecologica. Il mondo della conoscenza e della ricerca scientifica ha infatti un punto di osservazione privilegiato su questa dinamica globale, in quanto, tra le altre cose, monitora i cambiamenti climatici ed elabora strategie di intervento, oltre che educare le giovani generazioni al rispetto ed alla salvaguardia dell’ambiente e della natura. La prossima transizione ecologica deve esser anche socialmente sostenibile, come risulta evidente proprio in questi mesi dal vertiginoso incremento dei prezzi delle bollette e più complessivamente dell’inflazione, che hanno di fatto già eroso gli aumenti contrattuali previsti nelle leggi di bilancio rilanciando povertà, diseguaglianze e sperequazioni tra lavoratori e lavoratrici. È quindi evidente, per noi, la necessità di tenere strettamente connessi l’imprescindibile rivoluzione ecologica con la richiesta di una maggior qualità del lavoro, a partire (nei nostri settori) dalla nostra richiesta di incremento significativo delle risorse per il salario accessorio avente carattere fisso e continuativo, con l’obiettivo di un progressivo allineamento con le retribuzioni medie dei principali Paesi europei. Questione climatica e questione salariale che oggi, nel drammatico contesto internazionale dell’invasione dell’Ucraina e di apertura di una nuova stagione guerra, rende ancora più improrogabili gli interventi per costruire un modello di sviluppo ecologicamente, economicamente e socialmente sostenibile.

Per questo, il giorno prima dello sciopero globale per il clima, la pace e il disarmo, la FLC CGIL e Friday for Future hanno congiuntamente organizzato un confronto sulle ragioni e gli obbiettivi che hanno portato la nostra organizzazione sindacale ad aderire a questa giornata di mobilitazione.

Scarica il programma

Il confronto, che si tiene il 24 marzo 2022 alla Sala convegni del CNR di Roma (Piazzale Aldo Moro 7), sarà trasmesso online su nostro sito e pagina Facebook, vedrà i saluti della Presidente del CNR e la partecipazione di alcuni scienziati e ricercatori (il climatologo Luca Mercalli; la ricercatrice ENEA esperta di sostenibilità ambientale ed economica Daniela Palma, il ricercatore ISPRA e componente del ICPP Riccardo De Lauretis, la ricercatrice CNR e esperta di contaminanti organici persistenti ai poli Nicoletta Ademollo), di esponenti dei movimenti (Friday for future, Fairwatch e Società della Cura, Unione degli studenti e Rete degli Studenti Medi),  e della FIOM (che parteciperà alle mobilitazioni del 25 marzo), oltre che del nostro segretario generale Francesco Sinopoli e della vicesegretaria generale della CGIL, Gianna Fracassi.

Una discussione il 24 marzo, per esser più determinati in piazza il 25 marzo.

Per un futuro possibile.