Iscriviti alla FLC CGIL

Home » Attualità » Politica e società » E' urgente il confronto sugli ordinamenti

E' urgente il confronto sugli ordinamenti

Pubblichiamo il telegramma unitario che le organizzazioni sindacali hanno inviato al MIUR dopo le note vicende sulle iscrizioni

19/01/2004
Decrease text sizeIncrease  text size

Pubblichiamo il telegramma unitario che le organizzazioni sindacali hanno inviato al MIUR dopo le note vicende sulle iscrizioni.

Nel testo si fa riferimento ad una dichiarazione proposta dalla Amministrazione durante la trattativa sulla mobilità del personale.
La circolare sulle iscrizioni ha infatti evidenziato, oltre i suoi contenuti, come le relazioni sindacali siamo considerate dal Ministro: l’ informazione preventiva è stata fatta con un testo, in busta chiusa, consegnato ai sindacati mezz’ora prima di una conferenza stampa!
Non ci siamo, Ministro. Non è questo quello che abbiamo convenuto con la sottoscrizione del Contratto.
Il documento legato alla mobilità avrebbe dovuto rappresentare un quadro di impegni che l'Amministrazione assume come riferimento per la mobilità; i contenuti della circolare sulle iscrizioni rendono indispensabile chiarire subito, anche se il decreto attuativo non è ancora stato approvato, che cosa si intende fare, in relazione all'attuazione della Legge 53, per l'anno 2004-'05
La circolare sulle iscrizioni, che abbiamo impugnato, impone comunque una analisi attenta di tutte le ricadute sugli aspetti contrattuali delle disposizioni impartite, dalla mobilità e utilizzazione del personale fino alla definizione degli organici di tutto il personale della scuola per l’anno scolastico 2004-2005.
E’ indispensabile che si chiarisca, ad esempio, come nelle prime classi della scuola secondaria di primo grado, verrà definito il numero delle classi e il numero di alunni che le comporranno visto che una parte delle ore sono obbligatorie e una parte opzionali e facoltative in base alla scelta delle famiglie. Quale sarà il numero minimo di opzioni per mantenere invariato il numero delle classi? Quale è il quadro orario di riferimento e quali le discipline d’insegnamento nell’ambito dell’orario obbligatorio nelle classi di prima media? E a quali classi di concorso si fa riferimento per il personale? Con quali criteri si sceglie la seconda lingua “obbligatoria”, entro quali tempi, quali le ricadute sull’attuale quadro orario della prima lingua su insiste personale titolare?
Le rassicurazioni sul tempo pieno e prolungato contenute nella lettera ai genitori scritta dal Ministro saranno efficaci solo se si garantiranno gli attuali organici di personale che non sono affatto garantiti dalle disposizioni sull’orario contenute nella circolare.
L’elenco degli interrogativi è ancora lungo ma evidenzia chiaramente il motivo del nostro telegramma; è necessario prevedere un tavolo di confronto sugli ordinamenti, l’impegno assunto dal Vice Presidente del Consiglio on. Fini nel lontano 4 febbraio 2002 non è mai onorato e i tentativi di imporre alla scuola modelli organizzativi oggi inesistenti lo rendono invece impellente. Per la Cgil Scuola è inaccettabile che si continui ad ignorare che è necessario, a fronte di modifiche così nette, un tavolo di confronto visto che la circolare sulle iscrizioni ci ha dimostrato come il deficit sulle relazioni sindacali sia profondo.

Nè si può “condannare” la mobilità del personale ( operazione di per sé ordinaria) riducendola ad un terno al lotto per il personale: sono le questioni di organici e di ordinamento che vanno chiaramente definite.

Roma 19 gennaio 2004

Testo telegramma

Scriventi Segreterie Generali Sindacati scuola CGIL CISL UIL ritengono indispensabile et non più differibile affrontare in sede politica problematiche attinenti at gestione personale et definizione organici anno scolastico 2004/2005, già evidenziate nella “Dichiarazione di intenti” predisposta da codesta Amministrazione et consegnata giorni scorsi at Organizzazioni Sindacali.

Suddette problematiche, propedeutiche at eventuale chiusura contratto decentrato nazionale in materia di mobilità, si riferiscono at fondamentali istituti contrattuali e at aspetti concernenti attuazione legge 53/2003 con forte impatto sul rapporto di lavoro di tutto il personale scolastico.

Sollecitano, pertanto, immediata attivazione richiesto confronto politico.

Distinti saluti