Iscriviti alla FLC CGIL

Home » Attualità » Previdenza » Sesta salvaguardia: la FLC e l’INCA CGIL invitano il ministero a disporre il pensionamento per gli aventi diritto dell’ultima ora

Sesta salvaguardia: la FLC e l’INCA CGIL invitano il ministero a disporre il pensionamento per gli aventi diritto dell’ultima ora

La legge 147 del 2014 ha aperto la sesta salvaguardia per le lavoratrici e i lavoratori che avendo usufruito entro il dicembre del 2011 dei permessi e congedi derivanti dalla legge 104, potevano accedere all’assegno pensionistico con i criteri antecedenti la legge Fornero.

26/11/2015
Decrease text sizeIncrease  text size

L’Inps con messaggio n. 6912/2015 – operazioni di salvaguardia - aveva annunciato nei giorni scorsi la ripresa delle certificazioni del diritto alla pensione in salvaguardia, per i soggetti le cui domande risultavano giacenti dalle precedenti salvaguardie e non erano ancora state evase perché risultate in sovrannumero.

Per il personale della scuola che ha una sola finestra pensionistica di uscita questa decisione tardiva rischia di compromettere il diritto maturato con la salvaguardia.

Si è reso quindi indispensabile e urgente investire il Ministero dell’Istruzione del problema, per cui tramite il Cepa (il raggruppamento unitario dei patronati) ieri, 25 novembre, è stata inviata una lettera al MIUR e per conoscenza all’INPS, con la richiesta di indicare una soluzione e di fornire direttive precise, al fine di mettere in condizione i destinatari delle certificazioni di esercitare il diritto a pensione di salvaguardia.

Invitiamo chi avesse ricevuto il provvedimento a recarsi presso le sedi territoriali della FLC CGIL e del nostro patronato INCA.