Contro la regionalizzazione del sistema di istruzione fima anche tu

Home » Attualità » Sindacato » Brescia, 28 maggio 1974: una città violata

Brescia, 28 maggio 1974: una città violata

Lunedì 28 maggio 2012 saremo a Brescia per non dimenticare.

22/05/2012
Decrease text sizeIncrease  text size

strage-di-piazza-della-loggia-a-brescia-01Il 28 maggio la FLC CGIL sarà a Brescia per non dimenticare quella strage che ancora non ha colpevoli per la giustizia italiana.

Parlava Franco Castrezzati della Cisl. Erano le 10 e 12 minuti. La pioggia iniziò a battere fitta su mille ombrelli aperti, sugli impermeabili, sui giubbotti. Un enorme boato scosse la Piazza della Loggia. Veniva da sotto i portici dove erano stipate centinaia di persone, quelle che non avevano ombrelli ma non intendevano andare a casa.

L'attentato fascista lasciò per terra 8 morti e decine di feriti. Fra le persone che persero la vita c'erano 5 insegnanti, Giulietta Banzi Bazoli, anni 34, Livia Bottardi Milani, anni 32, Luigi Pinto, anni 25 (precario), Alberto Trebeschi, anni 37 (iscritto alla CGI L Scuola), Clementina Calzari Trebeschi, anni 31.

Saremo a Brescia, la mattina per prendere parte al corteo che si terrà in piazza della Loggia, presente Susanna Camusso, Segretario generale CGIL, il pomeriggio per un dibattito presso l'auditorium Piamarta San Faustino, chiuderà Domenico Pantaleo, Segretario generale FLC CGIL.

La CGIL Scuola prima, poi la FLC CGIL, come è comprensibile, è sempre stata emotivamente partecipe in questa giornata del ricordo. Quest'anno, dopo la sentenza di assoluzione, lo è ancora di più.