Contro la regionalizzazione del sistema di istruzione fima anche tu

Home » Comunicati stampa » Comunicati FLC CGIL » “Prima di tutto la SCUOLA PUBBLICA”. 6 giorni di mobilitazione; 2 giorni di scioperi; 3 manifestazioni tematiche; 1 grande manifestazione nazionale;…….LA FINANZIARIA DEVE CAMBIARE.

“Prima di tutto la SCUOLA PUBBLICA”. 6 giorni di mobilitazione; 2 giorni di scioperi; 3 manifestazioni tematiche; 1 grande manifestazione nazionale;…….LA FINANZIARIA DEVE CAMBIARE.

Comunicato stampa di Enrico Panini, Segretario Generale Federazione Lavoratori della Conoscenza Cgil

24/11/2006
Decrease text sizeIncrease  text size

Pretendiamo che la Finanziaria per il 2007 cambi e che il Governo mantenga gli impegni che ha assunto con noi.

E’ una finanziaria senz’anima, tratta la conoscenza come un problema di spesa e non come un investimento.

Per questo “Prima di tutto la SCUOLA PUBBLICA”, il motto che abbiamo scelto per scandire la mobilitazione dei sindacati confederali della scuola, non è solo uno slogan.

Per noi è un programma: l’obiettivo che deve assumere una Finanziaria taccagna con la scuola pubblica e ingenerosa con i suoi operatori.

Non ci accontentiamo di impegni generici, vogliamo fatti concreti.

Dopo l’insoddisfacente vicenda che ha accompagnato l’approvazione della Finanziaria alla Camera dei Deputati, contrassegnata da troppi impegni sulla scuola assunti con noi ma poi non mantenuti, abbiamo deciso di accompagnare la presentazione delle nostre rivendicazioni alle Commissioni parlamentari con una forte e costante mobilitazione che accompagnerà tutto il dibattito al Senato.

Rivendichiamo la conferma degli attuali organici, già non pienamente sufficienti; il mantenimento delle graduatorie permanenti; l’incremento dei posti ATA per le immissioni in ruolo di altre 60.000 unità; l’attribuzione di risorse alle scuole per restituire il maltolto dal precedente Governo garantendo loro le condizioni per lavorare al meglio; la soluzione dei problemi di 80.000 ATA ed ITP trasferiti dagli Enti Locali; la soluzione del problema degli inidonei; la fine della discriminazione dei presidi incaricati.

Queste le ragioni della nostra lotta.