Testo CCNL Istruzione e Ricerca

Home » Rassegna stampa » Nazionale » Caos vaccini, l'obbligo resta

Caos vaccini, l'obbligo resta

La modifica al milleproroghe rischia di diventare legge dopo l'avvio dell'anno scolastico

07/08/2018
Decrease text sizeIncrease text size
ItaliaOggi

Alessandra Ricciardi

Marco Bussetti

Potrebbe rilevarsi un pasticcio per l'inizio dell'anno scolastico l'emendamento approvato al senato al dl milleproroghe che fa slittare al 2019 l'obbligo vaccinale ai fini dell'iscrizione a scuola. Il decreto legge, infatti, per essere convertito in legge necessita anche dell'approvazione della camera e poi di un nuovo sì da parte di palazzo Madama, visto che a Montecitorio sono già annunciate modifiche. Ed è dunque altamente probabile che il via libera finale non potrà arrivare che a settembre inoltrato. Con la conseguenza che in avvio di anno, se non ci saranno ulteriori novità, la modifica inserita al senato è come se non ci fosse mai stata.

I dirigenti scolastici saranno tenuti dunque a rispettare le norme in vigore e le indicazioni giunte nel recente passato dai ministeri dell'istruzione e della salute: i minori dei 6 anni, per i quali i genitori non hanno presentato il certificato di avvenuta vaccinazione oppure l'autocertificazione, non dovrebbero essere ammessi a scuola. Il termine per l'autocertificazione, fissato dalla circolare Miur-Salute del 6 luglio corso, è scaduto tra l'altro il 10 luglio.

La modifica approvata al senato, a doppia firma, Paola Taverna (M5s) e Sonia, sorpresa anche la ministra della salute, la grillina Giulia Grillo. Che con la circolare del 6 luglio, d'intesa con il collega dell'Istruzione, Marco Bussetti, aveva puntato a ridurre l'onere burocratico a carico delle famiglie, ma tenendo salvo il principio dell'obbligo di vaccinazione.

Obbligo che persiste in verità anche con l'emendamento Taverna-Fregolent, anche se nei fatti risulta azzerato dall'eliminazione, per un anno, delle relative sanzioni in caso di inosservanza per i bambini di nidi e materne. Ingresso libero a scuola, insomma, per chi è in ritardo con i vaccini e chi decide di non farli. Con tutti i rischi del caso per i bambini immunodepressi, a cui la ministra Grillo ha garantito «l'adeguata collocazione in classi in cui è assicurata la copertura vaccinale». Ma se la conversione in legge del milleproroghe dovesse avvenire ad anno scolastico avviato, sui dirigenti permarrebbero i precedenti oneri del decreto Lorenzin, con le indicazioni della circolare Miur-Salute, dovendo al contempo fronteggiare un'aspettativa delle famiglie, presso le quali il messaggio del «liberi tutti» è già passato, di diverso avviso. Insomma, un pasticcio.

In forte dissenso dalla decisione del gruppo M5s di rinviare le sanzioni è intervenuta Elena Fattori: «L'emendamento, devo correggere le affermazioni fatte, in realtà non dispone la proroga dell'obbligo, che rimane vigente, ma è un artificio legislativo per consentire di eludere l'obbligo vaccinale (che persiste) ancora per un anno, posticipando la presentazione del certificato di vaccinazione all'asilo nido e alla scuola materna. È un po' che come se decidessimo di rendere obbligatorie le cinture di sicurezza e poi disponessimo che i vigili non possono fare la multa per un altro anno. Insomma, si tratta un po' di un artificio».

Fortemente criticata da Pd e Fi, la modifica alla legge Lorenzin, nelle intenzioni dei proponenti, è solo il primo passo di un disegno di legge che dovrebbe riformare per intero la materia. «Informare di più le famiglie», dicono dalla Lega, «sui vantaggi delle vaccinazioni, no a coercizioni». Come tramutarlo in legge non è facile però.

Intanto ai dirigenti resta la patata bollente dell'avvio dell'anno. Si attende una nuova circolare Salute-Istruzione per capire cosa fare.