Testo CCNL Istruzione e Ricerca

Home » Rassegna stampa » Nazionale » Corriere: Quelle pillole possono spingere al suicidio

Corriere: Quelle pillole possono spingere al suicidio

L’allarme dagli Usa Il Wall Street Journal: troppe medicine ai figli, anche per i viaggi

27/04/2006
Decrease text sizeIncrease text size
Corriere della sera

DAL NOSTRO CORRISPONDENTE

WASHINGTON - L’America, che per prima ha medicalizzato l’infanzia, dibatte da qualche tempo se non ne abbia abusato. Una serie di ricerche sugli psicofarmaci e alcuni tragici suicidi stanno spingendo le famiglie a limitarne l’uso. Un caso tipico fu quello dei Ritalin, somministrato a 4-5 milioni di bambini: uno studio del 2001 accertò che per molti l’effetto poteva essere più nocivo della cocaina. Da allora la medicina americana ha promosso farmaci leggeri, e prestato più attenzione a dieta e sport.

«Hyper» (super attivo) è il termine adottato per i bambini più vivaci. Per controllarli, molte famiglie ricorrono a tranquillanti, psichiatria, scuole specializzate. Ma sui tranquillanti, per quanto morbidi, è polemica: la scorsa settimana il Wall Street Journal ha denunciato l’abitudine di numerosi genitori di somministrarli ai figli «hyper» nei viaggi aerei o in macchina.

Una ricerca ha accertato che spesso padre e madre sono divisi sull’uso degli psicofarmaci. Sono divise anche le scuole: lo stesso bambino «hyper» può essere accettato così com’è, oppure solo se sottoposto a cure.