Emergenza Coronavirus: notizie e provvedimenti

Home » Notizie dalle Regioni » Forum della docenza delle università del Piemonte e della Valle d’Aosta, 1° luglio ore 16

Forum della docenza delle università del Piemonte e della Valle d’Aosta, 1° luglio ore 16

Dall’emergenza Covid alla riapertura degli atenei, dalle risorse del sistema universitario al diritto allo studio.

30/06/2020
Decrease text sizeIncrease  text size

A cura della FLC CGIL del Piemonte e della Valle d’Aosta

Mercoledì 1 luglio 2020 alle ore 16 si terrà un incontro da remoto promosso dalla FLC CGIL del Piemonte e della FLC CGIL della Valle d’Aosta sullo stato presente e sul lavoro docente all’Università. In sintonia con le attività del Forum nazionale della docenza FLC CGIL, abbiamo costruito un percorso per ridare avvio a una sede collettiva territoriale di confronto e di azione sindacale nel Sistema Universitario del Piemonte e della Valle d’Aosta.

Il primo passo riguarderà il discutere insieme sulle possibilità di ripartenza e rilancio dell’Università, nel quadro attuale di un’ipotesi di superamento della fase più critica della pandemia e considerando l’opportunità del momento per proporre una prospettiva di cambiamento del Sistema Universitario e dell’Istruzione più in generale. Ciò al fine di costituirsi, in continuità, nella FLC CGIL anche a livello territoriale, come interlocutori diretti sulle principali questioni e priorità.

La fase di riapertura degli Atenei si delinea con numerose problematiche: alcune relativamente nuove, come la didattica a distanza o la didattica “blended”, lo sdoppiamento dei corsi, il profilarsi di cambiamenti consistenti riguardo alla didattica, al profilo professionale e all’organizzazione del lavoro;  altre ormai note e permanenti, come la costante diminuzione delle risorse statali investite con un Fondo di Finanziamento Ordinario (FFO) tra i peggiori dei paesi OCSE (7,43 MLD€ nel 2020 inferiore persino a quello di 10 anni fa 7,51 MLD€), le forti differenze e squilibri tra le diverse sedi universitarie, scarsa capacità attrattiva e di motivazione per le posizioni di docente e ricercatore strutturate, la diminuzione dei docenti e ricercatori di ruolo di circa il 20% in dieci anni, di pari passo e  in maniera analoga al calo del personale tecnico-amministrativo che è passato da 70.000 a 50.000 unità (-29%) mentre parallelamente sono aumentati i lavoratori precari. Tutto questo mentre era continua la nostra azione per il superamento del precariato e per una diversa definizione del pre-ruolo e per un sistema di reclutamento nuovo e più equilibrato.

Il quadro attuale del Sistema Universitario ci restituisce dati preoccupanti: il numero di studenti iscritti risulta in calo - persino inferiore a quello di 10 anni fa (e si teme possa ulteriormente diminuire come conseguenza “indiretta” della pandemia), i corsi di dottorato sono ridotti del 55% rispetto a 10 anni fa. Si moltiplicano le denunce a proposito dell’Università italiana come “fanalino di coda” in Europa per numero di laureati: tra tasse universitarie alte e limitati investimenti per il diritto allo studio, mentre solo 19% nella fascia 25/64enni risulta laureato e l’accesso o l’esclusione all’Università si configurano sempre di più correlati alla condizione di classe.

Il Decreto Legge “Rilancio”, in approvazione al Parlamento entro il 19 luglio 2020, prevede al momento per l’intero comparto dell’Università e della Ricerca 1,4MLD€, una cifra insufficiente di fronte a decenni di politiche di disinvestimento, controriforme e aumento della burocratizzazione con vincoli che rendono sempre più arduo svolgere con efficacia i servizi e le attività didattiche e di ricerca.

Il primo appello è dunque rivolto alle iscritte e agli iscritti, ai simpatizzanti della FLC CGIL delle sedi delle Università del Piemonte e della Valle D’Aosta per un confronto sullo stato attuale e sulle possibili azioni sindacali, per rilanciare il Sistema Universitario e uscire da questa situazione di emergenza con le risorse e gli investimenti necessari e con un deciso cambiamento delle politiche dell’ultimo decennio.

Sono previsti gli interventi introduttivi di Luisa Limone Segretaria generale FLC CGIL Piemonte (per la presentazione del Forum), Luca Scacchi, Forum nazionale del Docenza Universitaria FLC CGIL e VdA, Massimiliano Tabusi Rete 29 aprile, Antonio Grassedonio, Coordinatore Università FLC CGIL Piemonte, Valentino Quarta Coordinatore FLC RSU UniTO, Salvatore Panarello Coordinatore FLC RSU UPO. 

Ad apertura del dibattito interverranno Marina Clerico doc. Ingegneria PoliTO e Forum nazionale docenza FLC; Maria Felice Brizzi doc. Medicina UniTO; Francesco Laviano doc. Fisica PoliTO; Marco Mariano doc. Politica, Società e Culture UniTO, Alessandro Mauro doc. direttore Neuroscienze UniTO, Rossana Pennazio doc. Studi per l’Economia e l’Impresa UPO, Massimo Zanetti (ric. Sociologia e CdU UniVdA, Lorenza Milardi  (rappresentante studenti/esse UdU UniTO) e Bruno Codispoti (rappresentante studenti/esse Alter Polis PoliTO).Partecipano al dibattito i Segretari generali FLC CGIL Torino, Massimiliano Rebuffo, e Vercelli, Claudio Canato.                    

L’appuntamento con il “Forum sulla Docenza Universitaria” è per mercoledì 1 luglio 2020 alle ore 16 con collegamento al seguente link: https://forms.gle/WGafuTHfxGnZVhMq8.