Inchiesta nazionale sul lavoro promossa dalla CGIL

Home » Notizie dalle Regioni » Piemonte » Pace, istruzione e diritto allo studio. Dal Piemonte, per lo sciopero del 30 maggio

Pace, istruzione e diritto allo studio. Dal Piemonte, per lo sciopero del 30 maggio

Ordine del giorno delle assemblee generali FLC CGIL del Piemonte riunite in plenaria il 10 maggio 2022.

16/05/2022
Decrease text sizeIncrease  text size

A cura della FLC CGIL Piemonte

Le Assemblee generali della FLC CGIL del Piemonte riunite in plenaria il 10 maggio  tramite meet e streaming con le strutture territoriali e le RSU FLC neo-elette, si sono espresse con un Ordine del giorno ora in diffusione nelle scuole piemontesi. 

Dopo l'intervento introduttivo di Francesco Sinopoli, della Segretaria generale regionale Luisa Limone e a esito del dibattito delle/dei irappresentanti a diverso titolo  della Scuola e di tutto il Comparto, è stato approvato un appello per lo sciopero indetto il 30 maggio a ribadire il valore della pace e a partire dal filo comune che congiunge l'opposizione storica  del.movimento operaio e sindacale alla guerra con l'opposizione al ridisegno e all'attacco alla scuola pubblica e di stato e a chi vi lavora, compresi gli atti d'autorità da parte del Governo.

Per  la consapevolezza della posta in gioco - riguardo a pace, istruzione e diriitto allo studio -  sin da adesso e per le nuove generazioni, vale il comune impegno alla massima diffiusione e a mobilitarsi in ogni sede di lavoro.

--------------------------------------------------

30 maggio: sciopero!  Ordine del giorno delle assemblee generali FLC CGIL del Piemonte riunite in plenaria il 10 maggio

Le Assemblee Generali della FLC CGIL del Piemonte e delle province di Alessandria, Asti, Biella, Cuneo, Novara VCO, Torino, Vercelli Valsesia, le strutture sindacali territoriali, le RSU  neo-elette in riunione plenaria a distanza il giorno 10 maggio 2022, ribadiscono ed esprimono con forza:

  • il ripudio della logica della guerra e delle armi unito all’appello all’internazionalismo pacifista, l’opposizione all’aumento delle spese militari e a un indirizzo economico che sostiene l’industria bellica;
  • il contestuale impegno e adesione a ogni azione di pace;
  • la denuncia del filo che lega scelte governative autoreferenziali e di autorità riguardo all’economia di guerra con il riordino d’autorità della scuola, del reclutamento e della formazione per Decreto Legge;
  • il voto di piena adesione agli obiettivi unitari dello sciopero indetto il 30 maggio,
  • per il rinnovo del CCNL e per il ritiro del D.L. 36 del 30 aprile 2022 Ulteriori misure urgenti per l’attuazione del Piano nazionale di ripresa e resilienza;
  • la condivisione e l’appoggio alla richiesta del settore Ricerca e del settore Università di estensione dello sciopero all’intero Comparto.

Le Assemblee Generali della FLC CGIL del Piemonte e delle province, le strutture sindacali, le RSU neoelette in riunione plenaria si impegnano a considerare lo sciopero del 30 maggio come un momento di un percorso non concluso e attivo di mobilitazione e di lotta per l’istruzione pubblica e di stato, per il diritto allo studio, per la democrazia e per la pace.

 La mobilitazione continua!

Torino, 10 maggio 2022

Approvato con un voto di astensione