Testo CCNL Istruzione e Ricerca

Home » Notizie dalle Regioni » Sardegna » Precari: docenti, progetto “Tutti a Iscol@” e diritto al riconoscimento del punteggio per l’aggiornamento delle graduatorie

Precari: docenti, progetto “Tutti a Iscol@” e diritto al riconoscimento del punteggio per l’aggiornamento delle graduatorie

Lo chiede con insistenza la FLC CGIL Sardegna.

22/12/2016
Decrease text sizeIncrease  text size

“Anche i docenti assunti nei progetti Tutti a Iscol@ hanno il diritto al riconoscimento del punteggio ai fini dell’aggiornamento delle graduatorie”: a segnalare l’assurda disparità di trattamento tra insegnanti è il segretario regionale della FLC CGIL Ivo Vacca che chiede all’assessore regionale Firino di superare il problema attraverso una richiesta al Ministero e alla Direzione Scolastica Regionale della Sardegna.

La FLC CGIL riporta nuovamente all’attenzione una rivendicazione che non ha avuto un riscontro positivo né nei bandi emanati l’anno scorso né in quello per l’anno in corso sul quale si chiede ora di intervenire. “Il diritto dei docenti al punteggio è stato negato - spiega Ivo Vacca - perché i responsabili del Ministero erano certi che il precariato sarebbe stato risolto con la massiccia immissione in ruolo dei docenti prevista dalla legge 107/15. Poi la realtà è stata ben diversa: le graduatorie non si sono svuotate e i supplenti sono presenti in tutte le scuole”.

Partendo da questo assunto, secondo la FLC CGIL Sardegna, occorre insistere con il Ministero affinché venga riconosciuto il diritto, già affermato per il personale ATA, di poter utilizzare il servizio prestato nel progetto Iscol@ per l’aggiornamento delle graduatorie. Un fatto che dovrebbe essere assodato dato che l’assunzione di questo personale avviene attraverso le graduatorie ad esaurimento e in quelle d’istituto, esattamente come avviene per i docenti nominati dalle scuole sui posti comuni. “Ci aspettiamo che quest’anno l’assessorato riesca a sanare questa ingiustizia”, conclude il segretario FLC CGIL sottolineando che “la Puglia ha siglato l’accordo con il Miur proprio di recente, sarebbe assurdo se non lo facesse la Regione Sardegna”.