Contro la regionalizzazione del sistema di istruzione fima anche tu

Home » Ricerca » Schema di regolamento ANSAS, via libera dalla VII Commissione cultura del Senato

Schema di regolamento ANSAS, via libera dalla VII Commissione cultura del Senato

La Commissione esprime parere favorevole dopo l'audizione delle organizzazioni sindacali, ma la confusione continua…

05/03/2011
Decrease text sizeIncrease  text size

La settima Commissione del Senato in data 2 marzo 2011 ha espresso parere favorevole allo schema di regolamento ANSAS emanato dal CdM in data 17 dicembre 2009 il quale aveva già superato l'esame della Conferenza Unificata Stato Regioni e del Consiglio di Stato.

La Commissione ha accolto le osservazioni espresse dalle organizzazioni sindacali durante l'audizione del 1 marzo, in particolare quella riguardante il contenuto del milleproroghe in cui emerge una vistosa contraddizione tra la proroga del commissariamento dell'Ansas e l'istituzione dell'ente indire.All'audizione oltre alla nostra organizzazione erano presenti, CISL scuola, UIL scuola SNALS, GILDA, UGL, CISAL. COBAS.
Come FLC abbiamo ribadito le osservazioni allo schema di regolamento già inviate come memoria alla settima commissione e che parte di un documento condiviso con i lavoratori ANSAS.

La settima Commissione ha, inoltre, condiviso i rilievi del Consiglio di Stato circa la necessità che “..le funzioni in materia di istruzione siano esercitate in modo condiviso con le Regioni e gli enti locali mediante accordi.
La Commissione sulla base dei rilievi delle organizzazioni sindacali e del Consiglio di Stato ha evidenziato che si rende necessario superare la contraddizione sulle sorti dell'Agenzia, alla luce della modifica accolta dal decreto milleproroghe che richiama il soppresso INDIRE.
Il giorno 1 marzo il sottosegretario Pizza nell'audizione in settima Commissione aveva dichiarato si trattava di un errore tecnico la citazione dell'ente soppresso, ma la Commissione ritiene comunque che il governo debba chiarire se attribuire ad ANSAS anche compiti di valutazione, oppure modificare la norma in milleproroghe.
La Commissione ha anche indicato che la rinnovabilità del direttore generale di ANSAS non debba superare i due mandati.

Lo schema di regolamento, a questo punto, dovrà tornare al CdM per approvazione finale. Il commissario dal momento della sua emanazione ufficiale avrà tempo un mese per nominare il direttore generale che a sua volta avvierà le procedure per nominare i quattro capi settore, i regolamenti interni, e, a seguire, i bandi di concorso per la stabilizzazione dei lavoratori. Ricordiamo che la pianta organica dello schema prevede la dotazione di 302 unità di personale.

In realtà la vicenda dell'ANSAS/INDIRE prosegue nella più totale confusione. Da una parte si approva il regolamento di una Agenzia che potrebbe essere immediatamente operativa e dell'altra si delega il ministero ad istituire un sistema di valutazione per “decreto” ma – forse – con un nuovo ente di ricerca quindi una struttura più autonoma di quella disegnata da regolamento.

Sullo sfondo l'assurdità di intervenire su una materia complessa come quella della valutazione delle scuole senza un dibattito pubblico ma piuttosto attraverso operazioni quasi sottobanco.
Come FLC CGIL riteniamo indispensabile, nell'interesse dei lavoratori dell'Ansas in particolare i precari, che si renda operativa la struttura e se ne chiariscano le funzioni aprendo però un dibattito pubblico e un confronto autentico sul sistema di valutazione la cui istituzione non può essere affidata a una norma regolamentare.

Altre notizie da: