Contro la regionalizzazione del sistema di istruzione fima anche tu

Home » Scuola » Finanziaria 2007 e graduatorie permanenti: il segretario generale della CGIL afferma: “vanno mantenute anche oltre il 2010"

Finanziaria 2007 e graduatorie permanenti: il segretario generale della CGIL afferma: “vanno mantenute anche oltre il 2010"

Guglielmo Epifani, ieri a Napoli per una iniziativa in vista del prossimo rinnovo delle RSU nella scuola, ha affermato che la CGIL presenterà proposte di modifica al testo della finanziaria in discussione al Senato. Per il segretario della CGIL” bisogna lasciare una prospettiva di stabilità ai lavoratori precari della scuola”.

21/11/2006
Decrease text sizeIncrease  text size

Il comunicato dell’AGI

Napoli, 20 nov. - Dopo l'approvazione della finanziaria alla Camera, in vista della discussione del documento in Senato, la Cgil annuncia che presenterà proposte di modifica al governo e al Parlamento.
Il segretario generale Guglielmo Epifani, parlando con i giornalisti a margine di una manifestazione a Napoli, sottolinea che "ci sono tante questioni da affrontare e cambiamenti da fare". " Parlando della scuola, bisogna mantenere le graduatorie degli insegnanti precari anche oltre il 2010 - afferma - e non si capisce perché va abolita. Bisogna lasciare una prospettiva di stabilità a questi lavoratori. Ci saremmo aspettati di più da questa finanziaria anche per il comparto della scuola; è un fatto importante che si stabilizzino 170mila lavoratori però è sugli investimenti che ancora non ci siamo". Ribadendo che sono necessari investimenti per la sicurezza degli edifici scolastici e per il materiale didattico, Epifani ritiene indispensabili per una scuola pubblica deve essere "in grado di affrontare i problemi che pone la società italiana, molto più complessa di quella di un tempo". "Ci sono anche parti che riguardano il mondo del lavoro - continua - i parasubordinati, le garanzie in materia di malattia che sono state cancellate, il salario convenzionale per i lavoratori delle cooperative che e' sparito dagli emendamenti". "Non credo - conclude il leader della Cgil - che bastino i soldi per il trasporto pubblico locale". (AGI)

Roma, 21 novembre 2006