Contro la regionalizzazione del sistema di istruzione fima anche tu

Home » Scuola » Formazione Professionale » Formazione professionale: corretto un refuso nell’accordo sulle stabilizzazioni delle collaborazioni a progetto

Formazione professionale: corretto un refuso nell’accordo sulle stabilizzazioni delle collaborazioni a progetto

Eliminato un riferimento non più conforme alla materia regolamentata.

22/11/2016
Decrease text sizeIncrease  text size

Con accordo nazionale del 7 agosto 2015 firmato dalle categorie FLC CGIL, CISL scuola, UIL scuola, SNALS Confsal, e dalle associazioni datoriali FORMA e CENFOP, sono state regolamentate nel comparto formazione professionale le collaborazioni ai sensi del DLgs 81/15 a norma dell’art. 1, comma 7, della legge 10 dicembre 2014, n. 183. Tale norma ha eliminato dal novero delle forme contrattuali le collaborazioni coordinate a progetto.  

L’accordo già pubblicato sul sito, prevede la stabilizzazione del personale con contratto di lavoro atipico non subordinato e limita a specifiche e circoscritte esigenze le collaborazioni.

In relazione a tale accordo le organizzazioni sindacali in sede di Commissione Paritetica Bilaterale Nazionale svoltasi il 18 novembre 2016, hanno rilevato che nella stesura finale del testo, sottoscritto dalle parti sociali contraenti, è presente un refuso che potrebbe causare equivoci e possibili contenziosi. Si tratta dei termini “il progetto o il programma” che erano riferiti alle collaborazioni coordinate a progetto. 

Con delibera della Commissione Paritetica Bilaterale Nazionale (CPBN), ai sensi del vigente CCNL della formazione professionale, è stato eliminato dall’accordo il riferimento a “progetto e programma” in quanto non più conforme alla materia regolamentata.
_______________________

FLC CGIL - CISL Scuola - UIL Scuola - SNALS CONFSAL - FORMA - CENFOP
Commissione Paritetica Bilaterale Nazionale
(ai sensi dell’art. 4 del CCNL 2011-2013 per la formazione professionale)

Roma, 18 novembre 2016

Nei giorni 16 - 18 novembre 2016, ai sensi del punto 5.2 dell’allegato n. 2 del vigente CCNL, si è svolto per via telematica il processo decisionale della CPBn con la partecipazione dei seguenti componenti:

  • effettivi: Antonio Bernasconi, Attilio Bondone, Antonio Lucente, Danilo Vischetti, Giovanni Lo Cicero, Elio Formosa, Lello Macro, Roberto Mollicone;

Constatato l’esplicito accordo nel seguire la procedura telematica, il Presidente Lello Macro, acquisisce i pareri dei componenti sul punto all’ordine del giorno:
in relazione all’accordo del 7 agosto 2015, relativo alle cosiddette “stabilizzazioni”, le Organizzazioni Sindacali nazionali firmatarie hanno fatto notare che nella stesura finale dello stesso sia presente un refuso, dovuto alla traslazione senza modifiche  di due termini dall’accordo precedente a quello attuale, che potrebbe causare equivoci ed incertezze:
si tratta dei termini “il progetto o il programma”, contenuti nell’alinea 3° del paragrafo “per quanto sopra, le parti, altresì convengono che,” che erano riferiti alle collaborazioni coordinate a progetto, non più esistenti.

Ai sensi dell’art.4, e del relativo all. 2 del vigente CCNL, la Commissione Paritetica Bilaterale Nazionale dichiara eliminato dall’accordo in questione il riferimento a “progetto e programma” in quanto non più attinente alla materia disciplinata.

Letto, approvato e sottoscritto:

FORMA: A. Bernasconi (firmato)
FORMA: A. Bondone (firmato)
FORMA: A. Lucente (firmato)
CENFOP: D.Vischetti (firmato)
FLC CGIL: G. Lo Cicero (firmato)
CISL SCUOLA: E. Formosa (firmato)
UIL SCUOLA: L. Macro (firmato)
SNALS CONFSAL: R. Molllicone (firmato)