Elezioni RSU 2022, candidati con la FLC CGIL

Home » Scuola » Inclusione scolastica alunni con disabilità: il Ministero dell’Istruzione invia alle scuole indicazioni operative per la redazione del PEI

Inclusione scolastica alunni con disabilità: il Ministero dell’Istruzione invia alle scuole indicazioni operative per la redazione del PEI

La nota, che fa seguito alla sentenza di annullamento del DI 182/2020, fornisce puntuali chiarimenti alle scuole, dando positivo riscontro alla richiesta avanzata dalla FLC CGIL.

18/09/2021
Decrease text sizeIncrease  text size

In riferimento alla sentenza 9795 del 14 settembre 2021, con cui il TAR Lazio ha disposto l’annullamento del DI 182/2020 e dei suoi allegati, la Direzione per lo studente, l’inclusione e l’orientamento del Ministero dell’Istruzione ha inviato alle scuole una nota con le indicazioni operative per la redazione dei PEI per l’anno scolastico 2021/2022.

La nota 2044 del 17 settembre 2021 precisa che, per quanto riguarda le tempistiche e le funzioni del GLO, restano in vigore le disposizioni del DLgs 66/2017 e successive modifiche.

Le istituzioni scolastiche per l’elaborazione dei PEI potranno ricorrere alla modulistica già utilizzata nell’anno scolastico 2019/2020, tenendo conto delle motivazioni alla base del pronunciamento del TAR per quanto riguarda la composizione e le funzioni del GLO, la possibilità di frequenza con orario ridotto e di esonero dalle materie per gli studenti con disabilità, l’assegnazione delle risorse professionali per il sostegno e l’assistenza.

Le indicazioni della nota intendono mettere le scuole nelle condizioni di operare in continuità, ottemperando alle disposizioni dei Giudici amministrativi, ma senza perdere di vista l’obiettivo primario dell’inclusione e del diritto allo studio.

L’Amministrazione si impegna ad integrare e aggiornare la comunicazione, in base all’evoluzione giurisprudenziale e normativa di riferimento.

La FLC CGIL valuta favorevolmente la tempestività con cui il Ministero ha provveduto a fornire chiarimenti alle scuole, dando positivo riscontro alla richiesta da noi avanzata all’indomani della pubblicazione della sentenza.