Contro la regionalizzazione del sistema di istruzione fima anche tu

Home » Scuola » Precari » Classi di concorso: confluenze tra vecchie e nuove ai fini delle assunzioni 2016/2017

Classi di concorso: confluenze tra vecchie e nuove ai fini delle assunzioni 2016/2017

Un decreto ricognitivo per gestire le diverse situazioni delle graduatorie ad esaurimento e del concorso ordinario.

25/07/2016
Decrease text sizeIncrease  text size

Il Miur ha pubblicato il Decreto Dipartimentale 635 dell'8 luglio 2016, con il quale si definiscono le confluenze tra le vecchie e le nuove classi di concorso per tutti gli insegnamenti della scuola secondaria di secondo grado.

Il DPR 19/16 ha definito le nuove classi di concorso, ma, ancora per il 2016/2017, gli organici sono stati costituiti con le precedenti. In più, ai fini delle assunzioni a tempo indeterminato, le due procedure interessate (al 50%) sono organizzate in maniera difforme: le graduatorie ad esaurimento con le vecchie classi di concorso e il concorso ordinario con le nuove.

Per garantire una corretta gestione delle procedure di assunzione è stato necessario predisporre tre tabelle di confluenza (Licei, Tecnici e Professionali) che permettano di associare alle vecchie classi di concorso assegnate per i vari insegnamenti della scuola secondaria di secondo grado anche le nuove introdotte dal DPR 19/16 e per le quali è stato bandito il concorso ordinario.

Le tabelle allegate al Decreto sono state oggetto di un serrato confronto con l'amministrazione in quanto, nella loro prima stesura, presentavano una notevole quantità di errori ed omissioni. C'è ancora qualche lieve imprecisione (già segnalata), ma sostanzialmente le tabelle pubblicate fotografano l'attuale situazione.

Restano le anomalie e gli errori presenti nel DPR 19/16 per i quali siamo impegnati ad ottenere un provvedimento di rettifica sia per correggere gli errori formali sia per eliminare alcune forzature rispetto ai titoli di accesso e ai crediti richiesti che rischiano di espellere numerosi docenti attualmente già in servizio nella scuola. Nei prossimi giorni pubblicheremo le nostre osservazioni e richieste di modifica.