Emergenza Coronavirus: notizie e provvedimenti

Home » Scuola » Precari » Concorso a cattedre. Altro che giovani: i dati lo confermano

Concorso a cattedre. Altro che giovani: i dati lo confermano

Il 70% dei vincitori è già incluso in graduatoria ad esaurimento. Oltre il 50% ha più di 35 anni.

02/10/2013
Decrease text sizeIncrease  text size

 Il Miur ha diffuso i dati relativi ai "vincitori" del concorso ordinario 2012. Si tratta di dati ancora parziali relativi a circa il 70% dei posti a concorso (8.303 su 11.542): in alcune Regioni le procedure devono ancora concludersi.

Già da questi primi dati si può ricavare una fotografia dei vincitori che smentisce tutte le motivazioni che erano state addotte a giustificazione di tanta urgenza.

Non è stato un concorso per giovani, né un concorso che ha premiato un merito diverso da quello dei docenti che da anni garantiscono il funzionamento delle scuole.

Il dato più eclatante è che il 70% dei vincitori è già incluso in graduatoria ad esaurimento a dimostrazione che non si tratta di docenti privi di "merito".

L'altro dato interessante è quello relativo all'età dei vincitori: oltre il 50% ha più di 35 anni: come coloro che sono inclusi nelle graduatorie.

Per quanto riguarda le assunzioni per il 2013/2014 dalle graduatorie del concorso sono stati assunti 3.255 docenti sugli 11.542 a concorso (28,20%). Se si rapporta il numero di assunzioni ai concorsi conclusi (8.303 vincitori) la percentuale si eleva al 39,20%.

Le rimanenti assunzioni avverranno nei prossimi anni fino a completamento di tutte quelle messe a concorso.

La FLC CGIL continua a battersi perché il tema del precariato della scuola pubblica venga risolto da un piano straordinario di stabilizzazioni che dia prospettive occupazionali a quanti vi  stanno spendendo la loro preparazione e la loro professionalità.

I docenti precari iscritti nelle GAE, i vincitori dei Concorsi e dei TFA, gli aspiranti ai PAS hanno bisogno di certezze, non di continui ricorsi per reclamare il diritto al lavoro.