Contro la regionalizzazione del sistema di istruzione fima anche tu

Home » Scuola » Precari » Precari scuola: il tribunale di Napoli dice sì alla stabilizzazione

Precari scuola: il tribunale di Napoli dice sì alla stabilizzazione

Arriva il primo pronunciamento favorevole dopo la sentenza della Corte di Giustizia Europea. Il governo sani subito l'ingiustizia commessa per molti anni nei confronti di migliaia di precari docenti e Ata.

22/01/2015
Decrease text sizeIncrease  text size

È di alcune ore fa il pronunciamento del Giudice di Napoli sulla stabilizzazione dei precari scuola con più di 36 mesi di servizio. Tale decisione è coerente con la sentenza della Corte di Giustizia Europea dello scorso 26 novembre 2014.

Nella causa di Napoli erano intervenuti in giudizio anche i legali della FLC CGIL e della CGIL per sostenere e rafforzare le ragioni dei precari.

Il giudice, che aveva richiesto l’interpretazione della legittimità delle norme nazionali alla Corte europea, ora sulla base della sentenza del 26 novembre, ha deciso nel merito e trasformato il rapporto di lavoro da tempo determinato a tempo indeterminato, oltre al pagamento delle retribuzioni dovute per i periodi di interruzione del lavoro e al riconoscimento dell’anzianità pregressa a favore dei ricorrenti.

Il giudice ha condannato il MIUR al pagamento delle spese di giudizio a favore della FLC CGIL che era intervenuta in giudizio.

È questa una sentenza importantissima che auspichiamo venga imitata da tutti gli altri tribunali dove nei prossimi giorni si discuteranno le cause di migliaia di precari a seguito dei ricorsi presentati con il sostegno della FLC CGIL che si è battuta in sede Europea per rivendicare un'equa retribuzione e la stabilità del posto di lavoro.

Siamo soddisfatti dell'esito di questa battaglia che porteremo avanti fino a quando il governo non avrà reso giustizia a tutti i precari.

Ricordiamo che le nostre sedi continuano ad essere impegnate a dare assistenza legale ai precari che hanno superato i 36 mesi di servizio.