Iscriviti alla FLC CGIL

Home » Scuola » Scuola: “Indicazioni per il Curricolo”, le valutazioni delle scuole

Scuola: “Indicazioni per il Curricolo”, le valutazioni delle scuole

Il mondo della scuola prende visione delle nuove Indicazioni, a Vicenza la FLC ha promosso una giornata di studio e approfondimento.

02/10/2007
Decrease text sizeIncrease  text size

Con l’invio alle scuole delle Indicazioni per il Curricolo si apre una fase di sperimentazione e confronto sui contenuti del documento riguardanti le discipline, gli obiettivi e i traguardi di competenze a cui si dovranno ispirare le scuole dell’infanzia e del primo ciclo, con i loro piani educativi e didattici.
Esso dovrà sostituire le Indicazioni nazionali allegate al D. lgs 59/04, già a partire dal prossimo anno scolastico, il 2008/09, quando la sperimentazione riguarderà tutte le scuole dell’infanzia e del primo ciclo.
Per il 2007/08 le scuole procederanno ad una prima valutazione dell’impianto e dei contenuti del nuovo documento, integrando nel proprio POF soltanto quegli elementi ritenuti compatibili con il progetto di scuola, per poi passare ad un’attuazione generalizzata a partire dal 2008/09.

Le Indicazioni per il Curricolo rappresentano un documento di grande interesse per la scuola, infatti le norme generali ed i principi fondamentali che devono ispirare tutta l’azione didattica, devono trovare un alto grado di condivisione nella categoria, sia riguardo all’analisi di contesto e dei bisogni formativi che degli obiettivi cui tendere con l’azione didattica.

Fanno parte integrante delle Indicazioni il documento “Cultura, scuola, persona” che contiene le coordinate culturali e filosofiche che presiedono alle nuove Indicazioni, e “L’organizzazione del curricolo” che fornisce gli elementi chiave su cui incardinare la costruzione del curricolo di scuola.

La FLC ha valutato positivamente sia l’apertura di una fase di ascolto delle scuole che la coerenza con il processo di sviluppo dell’autonomia scolastica, pur muovendo alcune critiche ad un impianto che si presenta tuttavia innovativo e credibile nei suoi assi culturali e didattici, e intende favorire il dibattito democratico promuovendo occasioni di confronto e di approfondimento.

Il MPI ha aperto una prima fase di informazione sui contenuti delle Indicazioni, pianificando una serie di azioni amministrative che coinvolgono tutti i livelli dell’amministrazione e le scuole.
Parallelamente sono partite nelle scuole molte iniziative che fanno perno su una prima valutazione e approfondimento dei documenti inviati, cui la FLC vuole offrire uno spazio di ascolto e di visibilità sul proprio sito, certa che la circolazione delle idee sia linfa vitale per la ripresa dell’iniziativa didattica.

Pubblichiamo un primo documento di sintesi del dibattito promosso dalla FLC di Vicenza, già a fine agosto, che ha coinvolto un gruppo di insegnanti e di RSU. Ai lavori hanno partecipato anche la segreteria regionale e la struttura nazionale della FLC.

Roma, 1 ottobre 2007