Inchiesta nazionale sul lavoro promossa dalla CGIL

Home » Università » Anche all'Università di Urbino partono le stabilizzazioni

Anche all'Università di Urbino partono le stabilizzazioni

Stipulato il 28 aprile 2008 un importante protocollo d'intesa.

15/05/2008
Decrease text sizeIncrease  text size

Comunicato della FLC Cgil Marche

Finalmente anche all’Università di Urbino
viene siglato il protocollo per le stabilizzazioni del personale precario

Finalmente, anche all’Università di Urbino, è stato definito il piano di stabilizzazione delle lavoratrici e dei lavoratori precari che presentano i requisiti previsti dalle Leggi Finanziarie 2007 e 2008.

Può accedere al piano per le stabilizzazioni:

  1. il personale in servizio alla data del 1/1/2007 che abbia maturato 3 anni di anzianità in virtù di un contratto di lavoro a tempo indeterminato;

  2. il personale in servizio alla data del 1/1/2007 che maturi 3 anni di servizio dopo l’entrata in vigore della legge finanziaria 2007 in virtù di contratti di lavoro subordinato stipulati prima del 29 settembre 2006;

  3. il personale non più in servizio al 1/1/2007 ma che abbia maturato i tre anni di servizio, anche non continuativi, nel quinquennio antecedente la stessa data;

  4. il personale in servizio alla data del 1/1/2008 che maturi 3 anni di servizio dopo l’entrata in vigore della legge finanziaria 2008 in virtù di contratti di lavoro subordinato stipulati prima del 28 settembre 2007.

Inoltre, per il personale in servizio alla data del 1/1/2008 con contratto di lavoro a tempo determinato, che ha maturato 3 anni di servizio, anche non continuativi, con contratti di collaborazione, viene definito un percorso di pre-stabilizzazione, ai fini della successiva stabilizzazione al momento del conseguimento del triennio di anzianità di servizio con rapporto di lavoro subordinato.

Per quanto riguarda il personale con collaborazioni coordinate e continuative in essere al 1/1/2008, che abbia maturato tre anni di attività, verrà:

  1. riconosciuta in termini di punteggio la loro esperienza professionale nelle procedure concorsuali per l’assunzione a tempo indeterminato;

  2. individuati percorsi di progressiva stabilizzazione mediante la riserva di una quota di posti programmati per l’assunzione di tempo determinato.

Complessivamente le persone coinvolte nei percorsi di stabilizzazione e pre-stabilizzazione sono 20, secondo lo schema riportato nell’accordo.

Per quanti riguarda i collaboratori ed esperti linguistici, l’adozione del piano di stabilizzazione avverrà previa ridefinizione della dotazione organica e approvazione del piano triennale di fabbisogno, entro e non oltre il 30/6/2008.

Fino alla conclusione dei percorsi di stabilizzazione l’Università continuerà ad avvalersi dell’opera del personale inserito nei percorsi di stabilizzazione, attraverso la proroga dei contratti in essere.

Resta prioritario il nostro impegno per cercare di dare una risposta anche alle aspettative di tutte le lavoratrici e i lavoratori che sono rimasti esclusi dai percorsi di stabilizzazione.

Urbino, 14 maggio 2008