Elezioni RSU 2022, candidati con la FLC CGIL

Home » Università » Preoccupanti voci su taglio delle retribuzioni e blocco dei contratti

Preoccupanti voci su taglio delle retribuzioni e blocco dei contratti

L'Università ha già pagato. La FLC CGIL ritiene inaccettabili ulteriori interventi.

17/04/2014
Decrease text sizeIncrease  text size

Negli ultimi giorni si sono inseguite voci di stampa relative alla proroga del blocco dei contratti e delle retribuzioni fino al 2020. Si succedono voci relative al taglio delle retribuzioni dei professori universitari.

Ad oggi non ci sono elementi concreti che ci permettono di dare giudizi informati o prendere posizioni di merito su provvedimenti del governo. Le smentite fin qui giunte non si sono però accompagnate a proposte concrete di rilancio del sistema.

Certamente la FLC non tollererà ulteriori interventi su un settore che insieme alla scuola più di ogni altro ha visto ridurre risorse economiche, personale, retribuzioni e opportunità di reclutamento e carriere.

Torniamo invece a chiedere al Governo un radicale cambio di passo. Scuola, Università e Ricerca  sono il presente e il futuro del paese.