Sottoscrizione Aiuta chi ci aiuta

Home » Attualità » Alternanza scuola lavoro: annunciazione, annunciazione, annunciazione!

Alternanza scuola lavoro: annunciazione, annunciazione, annunciazione!

Parole in libertà nel video del presidente del consiglio.

15/05/2015
Decrease text sizeIncrease  text size

Il primo punto trattato dal presidente del consiglio nel suo videomessaggio ha riguardato l’alternanza scuola lavoro, considerata la cosa più urgente da affrontare e uno degli elementi qualificanti del  ddl governativo sulla scuola.

Queste nell’ordine le affermazioni:

  • c’è stato in questi anni un aumento impressionante dei disoccupati tra i giovani (un dato tra i peggiori in Europa, 44%)
  • nella “Buona scuola” viene introdotta l’alternanza per tutti finalizzata a ridurre la disoccupazione giovanile
  • l’alternanza funziona in Germania, Austria, Svizzera e anche nell’Alto Adige grazie all’autonomia garantita dalla Costituzione.

Ci permettiamo umilmente di ricordare al presidente del consiglio che:

  1. in Italia l’alternanza scuola lavoro è regolamentata da circa dieci anni e praticata, in molteplici forme e in tutti gli ordini della scuola secondaria di II grado, da ancor più anni
  2. il ddl non inventa proprio nulla ma si innesta su tale regolamentazione
  3. l’alternanza non è un contratto di lavoro ma un percorso didattico finalizzato ad acquisire le competenze previste al termine del secondo ciclo di istruzione
  4. l’alternanza non può, pertanto, contribuire a ridurre il dato della disoccupazione
  5. nel ddl si si citano espressamente i percorsi in alternanza durante i periodi di interruzione delle attività didattica, strizzando, evidentemente, l’occhio alle recenti affermazioni del Ministro del Lavoro Poletti e alle prestazioni lavorative gratuite degli studenti spacciate per percorsi educativi
  6. l’alternanza non è un’azione di orientamento, ma una modalità di realizzazione dei percorsi della scuola secondaria di II grado (Linee guida nazionali per l’orientamento permanente, adottate dal MIUR con nota 4232/14).

Evidentemente il Presidente del Consiglio non si riferiva alla “Buona Scuola” ma ai contenuti dello schema di decreto legislativo, di competenza del Ministero del Lavoro che, tra le altre cose, modifica l’apprendistato e analiticamente commentato su questo sito.

Gentile presidente, ma è proprio sicuro di aver letto il testo del suo disegno di legge sulla scuola?

Se ha tempo le consigliamo di leggere le nostre proposte sull'alternanza che trova a questo link.

Buona lettura!