Iscriviti alla FLC CGIL

Home » Attualità » Il Decreto “Rilancio” è stato convertito in legge: le schede di lettura della FLC CGIL

Il Decreto “Rilancio” è stato convertito in legge: le schede di lettura della FLC CGIL

Testo in vigore dal 19 luglio 2020. Per i settori della conoscenza si tratta un provvedimento insufficiente e deludente.

21/07/2020
Decrease text sizeIncrease  text size

Il 19 luglio 2020 è entrato in vigore la legge 77 del 17 luglio 2020 di conversione del decreto legge n. 34 del 19 maggio 2020 recante “Misure urgenti in materia di salute, sostegno al lavoro e all’economia, nonché di politiche sociali connesse all’emergenza epidemiologica da COVID-19”. Testo coordinato dei due provvedimenti.

Schede di approfondimento

Pur trattandosi di un decreto che mette in campo risorse senza precedenti (155 miliardi di euro in termini di saldo netto da finanziare, 55 miliardi di euro di indebitamento) gli interventi previsti per i settori della conoscenza risultano insufficienti e deludenti.

In questa tabella le risorse (in milioni di euro) in termini di saldo netto da finanziare relative ai settori della conoscenza per gli anni 2020 e 2021.

AREE DI INTERVENTO DL 34
anno 2020
DL 34
anno 2021
SETTORE SCOLASTICO
Concorso straordinario secondaria (art. 230 comma 2-bis) 4,00
LSU Part-time (art. 230 comma 2-ter e quater) 18,80
Assunzione 1000 assistenti tecnici (art. 230-bis comma 1) 9,30
Dirigenti tecnici (art. 230-bis comma 2) 7,90
Dirigenti scolastici Ultrattività CCIR (art. 230-bis comma 3) 13,10
Incremento del Fondo di funzionamento (art. 231) 331,00
Esami di Stato scuola statale e paritaria (art. 231 comma 7)
(Scuola paritaria € 8.263.145,00)
39,23
Esami di Stato Valle D’Aosta, Trento e Bolzano (art. 231 comma 7-bis) 2,00
Incremento Fondo unico edilizia (art. 232 comma 7) 30,00
Adeguamento strutturale dell’istituto superiore «Salvatore Quasimodo» in Magenta (art. 232 comma 4-bis) 5,00
Fondo 0-6 (art. 233 comma 1) 15,00
Sostegno economico in relazione alla riduzione o al mancato versamento delle rette o delle compartecipazioni comunque denominate, ai soggetti che gestiscono in via continuativa i servizi educativi e alle istituzioni scolastiche dell’infanzia non statali di cui all’articolo 2 del decreto legislativo 13 aprile 2017, n. 65 (art. 233 comma 3) 165,00
Sostegno economico in relazione alla riduzione o al mancato versamento delle rette o delle compartecipazioni comunque denominate Alle scuole primarie e secondarie paritarie, facenti parte del sistema nazionale di istruzione di cui all’articolo 1 della legge 10 marzo 2000, n. 62 (art. 233 comma 4) 120,00
Sistema informativo per il supporto all’istruzione scolastica (art. 234) 10,00
Fondo per l’emergenza epidemiologica da COVID-19 presso il Ministero dell’istruzione 377,60 600,00
Totale settore statale 839,67 600,00
Totale settori non statali 308,26 0
TOTALE 1.147,93 600,00
SETTORE UNIVERSITÀ RICERCA E AFAM
Incremento del «Fondo per le esigenze emergenziali del sistema dell’Università, delle istituzioni di alta formazione artistica musicale e coreutica e degli enti di ricerca» (art. 235 comma 1 62,00
Incremento del Fondo per il finanziamento ordinario delle università al fine di riconoscere al maggior numero di studenti l’esonero, totale o parziale, dal contributo onnicomprensivo annuale (art. 235 comma 3) 165,00
Incremento del fondo per il funzionamento amministrativo e per le attività didattiche delle istituzioni di alta formazione artistica, musicale e coreutica statali al fine di riconoscere al maggior numero di studenti l’esonero, totale o parziale, dal contributo onnicomprensivo annuale (art. 235 comma 4) 8,00
Incremento Fondo di cui all’art. 18 comma 1 lettera a) del D Lgs. 68/12 Diritto allo studio (art. 235 comma 4) 40,00
Incremento fondo dottorandi (art. 235 comma 5) 15,00
Incremento del Fondo per il finanziamento ordinario delle università al fine di sostenere l’accesso dei giovani alla ricerca, l’autonomia responsabile delle università e la competitività del sistema universitario e della ricerca italiano a livello internazionale (art. 238 comma 1) 200,00
Incremento del Fondo ordinario per gli enti e le istituzioni di ricerca al fine di sostenere l’accesso dei giovani alla ricerca (art. 238 comma 2) 50,00
Incremento Fondo per gli investimenti nella ricerca scientifica e tecnologica (FIRST) (art. 238 comma 4) 250,00
Fondo per il finanziamento ordinario delle università Al fine di promuovere l’attività di ricerca svolta dalle università e valorizzare il contributo del sistema universitario alla competitività del paese (art. 238 comma 5) 100,00
Totale università, ricerca e AFAM 290,00 600,00
TOTALE GENERALE 1.437,93 1.200,00

In allegato, proponiamo una serie di schede di lettura del provvedimento, analizzando singolarmente ogni proposta normativa ed esprimendo su molte di esse una nostra valutazione.