Iscriviti alla FLC CGIL

Home » Attualità » Fondi europei 2014–2020 » Programmi operativi nazionali » PON “Per la scuola” » PON “Per la scuola”: pubblicato il Manuale operativo di Gestione relativo all’avviso sull’alternanza scuola-lavoro - seconda edizione

PON “Per la scuola”: pubblicato il Manuale operativo di Gestione relativo all’avviso sull’alternanza scuola-lavoro - seconda edizione

Importanti indicazioni sull’individuazione dei tutor. I progetti autorizzati devono concludersi entro il 30 settembre 2021. Almeno un modulo formativo dovrà essere realizzato e certificato entro il 30 settembre 2020.

30/09/2019
Decrease text sizeIncrease  text size

L'Autorità di Gestione del PON "Per la scuola", con la nota 28749 del 24 settembre 2019 ha pubblicato il Manuale Operativo di Gestione (MOG) relativo all’Avviso pubblico per il potenziamento dei percorsi di alternanza scuola-lavoro – seconda edizione (nota 9901 del 20 aprile 2018).

Il documento è finalizzato a supportare le istituzioni scolastiche statali nell’espletamento, all’interno dell’area di gestione progetti finanziati con Fondo Sociale Europeo (FSE) del Sistema di Gestione Unitaria del Programma (GPU 2014-2020), delle operazioni necessarie per:

  • l’avvio del Progetto
  • la documentazione e gestione dei moduli
  • la chiusura del Progetto.

Il manuale rappresenta anche un supporto operativo per la gestione sulla piattaforma GPU dei progetti afferenti alla prima edizione dei percorsi di alternanza scuola lavoro (Avviso 3781/2017) ancora in corso di attuazione e di documentazione.

Il Manuale è particolarmente importante per i chiarimenti forniti riguardo ai profili necessari per la realizzazione dei progetti autorizzati, per le modalità di individuazione del personale, per le modalità di calcolo delle spese ammissibili.

Innanzitutto a differenza dei progetti finanziati dal Fondo Sociale Europeo (FSE), per i progetti di cui alla nota 9901/18 non è previsto il profilo dell’Esperto.

Sono invece previsti:

  • il tutor scolastico
  • il tutor della struttura ospitante
  • il Personale di supporto e il referente per la valutazione
  • gli Accompagnatori alternanza (solo nel caso di percorsi di alternanza scuola-lavoro transnazionali).

Il Tutor scolastico è individuato attraverso una selezione interna previo avviso, oppure una selezione interna previe delibere degli organi collegiali, in subordine, attraverso una collaborazione plurima con altre scuole. Per un approfondimento vedi correlato.

il Tutor della struttura ospitante è indicato direttamente dalla medesima struttura. La scuola è tenuta ad inserire a Sistema il file dell’incarico ed il suo Curriculum Vitae.

L’Accompagnatore alternanza è presente solo nei progetti che prevedono percorsi di alternanza scuola lavoro all'estero di cui alle sotto-azioni 10.2.5.B Competenze trasversali – transnazionali (Licei), 10.6.6B Percorsi di alternanza scuola-lavoro – transnazionali (Istituti tecnici e professionali), 10.6.6D Tirocini/stage aziendali – transnazionali (Istituti Tecnici Superiori) e quando il numero di studenti supera le 10 unità.

A differenza degli altri due tutor (Tutor scolastico e Tutor della Struttura ospitante, quest’ultimo denominato “Tutor aggiuntivo” nella scheda finanziaria), alla figura dell’Accompagnatore è riconosciuto solo il rimborso dei costi relativi al trasporto, vitto e alloggio, utilizzando le risorse indicate nel Piano finanziario sulla base delle tabelle Erasmus +.

Pertanto il Manuale precisa che il l’accompagnatore, proprio in quanto non viene retribuito per attività formativa, può essere scelto senza procedura di selezione ed inserendo esclusivamente l’incarico nel Sistema GPU. Sarà cura dell’Istituto scolastico individuare il docente con titoli ed esperienze coerenti con l’obiettivo del modulo.

Ricordiamo che per i percorsi transnazionali l'attività deve essere svolta interamente nel Paese estero di destinazione, secondo i seguenti parametri:

  • per un percorso di 90 ore, l'attività da svolgersi all'estero è pari a 21 giorni
  • per un percorso di 120 ore, l'attività da svolgersi all'estero è pari a 28 giorni
  • per un percorso di 240 ore, l'attività da svolgersi all'estero è pari a 56 giorni.

Il Manuale conferma per intero le difficoltà per le scuole di avere un quadro completo delle norme e procedure da applicare nei progetti finanziati dal PON. Emblematiche sono le seguenti indicazioni: “Si rammenta che, al fine di trattare alcune caratteristiche peculiari di uno specifico Avviso, il presente documento può essere affiancato da manuali o note integrative. Si raccomanda, inoltre, di controllare sempre eventuali note di aggiornamento e le note specifiche riguardanti i singoli avvisi emanate dall’Autorità di Gestione e pubblicate alla pagina del sito MIUR dedicata ai Fondi Strutturali 2014-2020 http://www.istruzione.it/pon/index.html.”

Inoltre, la farraginosità delle procedure e della documentazione da predisporre e caricare nella piattaforma emerge in maniera lampante dalla lettura dei 18 controlli elencati nel Manuale che il Sistema informativo effettua a chiusura dei progetti.