Iscriviti alla FLC CGIL

Home » Scuola » Personale ATA » Personale ATA ex LSU: rinvio al 1° marzo della seconda fase assunzionale e proroga delle supplenze dei collaboratori scolastici fino al 28 febbraio 2021

Personale ATA ex LSU: rinvio al 1° marzo della seconda fase assunzionale e proroga delle supplenze dei collaboratori scolastici fino al 28 febbraio 2021

La misura contenuta è nel Decreto Milleproroghe. La FLC CGIL ha sollecitato il Ministero a fornire indicazioni tempestive alle scuole.

04/01/2021
Decrease text sizeIncrease  text size

Il Decreto Milleproroghe (art. 5, comma 5 del decreto legge 183 del 31 dicembre 2020) ha rinviato al 1° marzo l’assunzione del personale ex LSU e Appalti storici in possesso del requisito dei 5 anni di servizio. Resta ora da attendere l’emanazione del bando per l’avvio delle relative procedure selettive.

Nel contempo, sono stati anche prorogati fino al 28 febbraio i contratti di supplenza temporanea (già sottoscritti fino al 31 dicembre 2020) del personale ATA.

Le suddette proroghe riguardano i contratti del personale ATA sui posti e le ore residuate all’esito delle procedure della prima fase assunzionale (art. 2, comma 5-quinquies DL 126 del 20 ottobre 2019, che ha modificato l’art. 58 del DL 69/2013, convertito con modificazioni dalla legge 98/2013), nelle more dell’espletamento della procedura selettiva, di cui al comma 5-sexies, finalizzata all’immissione in ruolo dei candidati con decorrenza, ora, al 1^ marzo 2021.

Invece, i contratti temporanei di completamento per 18 ore, sottoscritti sino al 31 dicembre 2020, del personale ATA ex LSU devono essere trasformati a tempo indeterminato con decorrenza 1° gennaio 2021 (art. 1, comma 964 della Legge di Bilancio 30 dicembre 2020 n. 178).

In attesa che il Ministero dell’Istruzione provveda ad emanare i relativi decreti attuativi, come FLC CGIL, abbiamo rappresentato all’Amministrazione l’esigenza di dare indicazioni tempestive e chiare circa le proroghe delle supplenze al fine di mantenere i Collaboratori scolastici in servizio in vista della possibile riapertura delle scuole.