Iscriviti alla FLC CGIL

Home » Scuola » Mobilità scuola 2016/2017: ancora fronti opposti sulla sequenza contrattuale

Mobilità scuola 2016/2017: ancora fronti opposti sulla sequenza contrattuale

MIUR e sindacati mantengono posizioni divergenti nei principi che dovranno regolare il passaggio dei docenti dagli ambiti alle scuole. La questione passa al livello politico.

23/05/2016
Decrease text sizeIncrease  text size

Il 23 maggio 2016 è proseguita la discussione sulla sequenza contrattuale relativa al conferimento degli incarichi triennali ai docenti dell’ambito territoriale, da parte del dirigente scolastico. Il MIUR conferma la proposta già presentata, ma si pone in ascolto delle numerose richieste avanzate dalla FLC CGIL e dalle altre sigle sindacali, soprattutto per quanto riguarda il sollecito a semplificare le operazioni che, se attuate secondo le intenzioni dell’amministrazione, non potrebbero contenersi nei tempi previsti dal regolare avvio dell’anno scolastico.

La posizione nettamente opposta espressa nel documento unitario a firma dei segretari generali, è stata ribadita dalle organizzazioni sindacali e riportata in un quadro complessivo che richiama l’amministrazione ad un atto di responsabilità e buon senso, dove ai principi “non negoziabili” della chiamata diretta si unisce il rischio-fallimento di una procedura estremamente complessa. I sindacati rinnovano la proposta di una soluzione transitoria che coniughi il passaggio dei docenti dagli ambiti alle scuole con le utilizzazioni e le assegnazioni provvisorie.

Nel constatare la difficoltà a trovare con l’amministrazione un punto di accordo sul quale aprire allo sviluppo degli argomenti, i sindacati chiedono di spostare il confronto a livello politico. Urge un intervento determinante nell’interesse di decine di migliaia di lavoratori in attesa. Il MIUR ha acconsentito per un passaggio con i propri vertici, riservandosi di riferire eventuali decisioni per la prossima settimana.