Testo CCNL Istruzione e Ricerca

Home » Scuola » Nuovo regolamento di contabilità delle scuole: il MIUR trasmette un aggiornamento del Piano dei conti

Nuovo regolamento di contabilità delle scuole: il MIUR trasmette un aggiornamento del Piano dei conti

La FLC CGIL ha protestato col Ministero per l’intempestivo intervento a Programma Annuale già impostato e per la mancanza d’informativa sindacale.

08/02/2019
Decrease text sizeIncrease  text size

Il MIUR ha emanato il 6 febbraio 2019 la circolare 2348, con la quale ha trasmesso alle Istituzioni scolastiche un aggiornamento del Piano dei conti (già inviato alle scuole, Allegato 1 alla nota MIUR 25674 del 20 dicembre 2018).

Nella nota si legge che, con questo aggiornamento del Piano dei conti, sono state apportate delle modifiche ed integrazioni alla sezione spese, tenuto conto delle esigenze manifestate da alcune scuole. Di conseguenza, la funzione SIDI Bilancio resterà chiusa il giorno 8 febbraio dalle ore 7:00 alle ore 13:00 per le attività di manutenzione.

Per questi motivi, le scuole sono esentate dalla trasmissione del Programma Annuale e dei relativi flussi gestionali dell’esercizio finanziario 2019. Il Ministero fornirà successivamente, con apposita comunicazione, delle indicazioni specifiche al riguardo.

Questo aggiornamento arriva in corso d’opera della predisposizione, da parte delle scuole, del Programma Annuale 2019, quindi col bilancio già impostato sul Piano dei conti trasmesso a dicembre 2018.

Questo sta ad evidenziare, ancora una volta, che i tempi ristretti di applicazione del Regolamento di contabilità avrebbero reso necessario rimandare l’operazione della sua applicazione di un anno (gennaio 2020), come la FLC CGIL aveva chiesto al MIUR.
Ora le scuole, che non sono state preparate ad applicare tutte novità contenute nel Regolamento, dovranno nuovamente mettere le mani ai propri bilanci per fare le opportune correzioni con il nuovo Piano dei conti.

Abbiamo protestato con l’Amministrazione che, inoltre, ha lasciato le Organizzazioni Sindacali prive di una informativa adeguata e del confronto che sarebbe utile anche a facilitare il lavoro delle scuole.