Testo CCNL Istruzione e Ricerca

Home » Scuola » Organi collegiali e dirigente scolastico dopo la legge 107/15

Organi collegiali e dirigente scolastico dopo la legge 107/15

La legge 107/15 non ha modificato, se non in minima parte, il potere collegiale delle istituzioni scolastiche, che continua ad esercitarsi secondo quanto previsto dal Testo unico 297/94. Una nostra scheda di orientamento per i lavori di inizio anno.

16/09/2016
Decrease text sizeIncrease  text size

La legge 107/15, i cui effetti negativi si stanno ulteriormente concretizzando in avvio del nuovo anno scolastico, viene troppo spesso citata anche su prerogative che le sono estranee. Le competenze degli organi collegiali ad esempio, la cui norma di riferimento è, e rimane, il DLgs 297/94 Testo Unico delle disposizioni legislative in materia di istruzione, non sono affatto limitate dal ruolo potenziato del dirigente scolastico.

Riteniamo utile mettere a disposizione una scheda per rivedere, in sintesi e con gli opportuni riferimenti di legge, quali organismi siano coinvolti nelle decisioni di gestione/organizzazione scolastica, ivi comprese le RSU, la cui funzione è ben salda nel dettato contrattuale.

La conoscenza delle norme consente una partecipazione più consapevole e democratica alla vita della scuola, che non è possibile demandare o subire: tutto questo per evitare che i cambiamenti in atto spingano docenti e ATA a chiudersi nel disagio, rinunciando ad un confronto che dia il giusto senso al loro lavoro.

Il profilo normativo delineato nella scheda, segna la correttezza e la legittimità dei comportamenti: saremo sempre presenti nella tutela delle persone contro ogni interpretazione difforme o discrezionale di quanto la legge prevede.