Iscriviti alla FLC CGIL

Home » Scuola » Sistema NoiPa. Prorogate le funzioni solo per gli stipendi dei supplenti. Ma non basta

Sistema NoiPa. Prorogate le funzioni solo per gli stipendi dei supplenti. Ma non basta

Per le segreterie scolastiche giorni di vero e proprio delirio. La FLC chiede la proroga ad oltranza di tutte funzioni.

04/07/2013
Decrease text sizeIncrease  text size

Oggi 4 luglio in occasione di un incontro di informativa sindacale al Miur abbiamo nuovamente chiesto alla D.G. del Bilancio di intervenire presso il Mef per chiedere l’apertura ad oltranza delle funzioni necessarie a pagare gli stipendi di giugno e il salario accessorio del personale.

Il Miur si è impegnato a seguire costantemente la vicenda facendo presente, però, che i tempi di lavoro sono imposti dalla Banca d’Italia.

La proroga è stata pubblicata ieri sul portale di NOIPA: domani vengono sospese le funzioni per il pagamento del salario accessorio per essere riaperte nei prossimi giorni, mentre restano aperte, fino a metà mese, le funzioni per gli stipendi che saranno pagati con una rata speciale. Il Mef si è scusato per le disfunzioni causate da questi malfunzionamenti, ma tutto ciò non rende giustizia del delirio procedurale a cui vengono sottoposte continuamente le scuole.

E’ chiaro che il MEF continua a imporre tempi di lavoro che il sistema informatico non è in grado di supportare; l’accesso contemporaneo di più istituzioni scolastiche provoca blocchi e disfunzioni che appesantiscono i carichi di lavoro per le segreterie e colpiscono i diritti dei lavoratori.

Tempi ristretti, lentezza e frequenti blocchi del sistema informatico, mancanza di una programmazione delle funzionalità producono una notevole perdita di tempo di lavoro degli uffici di segreteria ed impediscono il tempestivo pagamento ai supplenti.

Per queste ragioni abbiamo sollecitato nuovamente l’apertura a oltranza delle funzioni che, tra l’altro, favorirebbe la regolarità delle procedure amministrative.

In questa situazione pesantissima, come se non bastasse. alle scuole continuano ad arrivare richieste di dati da parte del MIUR con tempi di lavorazione sempre più accelerati ed improponibili.

Negli ultimi dieci giorni, in un periodo in cui la funzionalità degli uffici di segreteria è ridotta per l’avvio della programmazione delle ferie, le scuole hanno dovuto ottemperare alla seguenti scadenze:

  • rilevazione esiti degli scrutini secondo la procedura nuova che richiede i nominativi degli scrutinati per classe;

  • rilevazione spese per supplenze relative al periodo 1/1-31/12/2012, oggetto, peraltro, di precedenti monitoraggi e di indicazioni ministeriali contraddittorie e confuse;

  • richiesta da parte dei revisori dei conti di dati aggiuntivi, al fine di validare i dati inseriti a SIDI;

  • informatizzazione dell'organico di fatto, con segnalazione a SIDI dei dati alunni aggiornati per istituzione e/o soppressione classi, e degli spezzoni orari;

  • rilevazione oneri indennità lavoro notturno, indennità sostituto DSGA.

Non è possibile continuare così

L’impegno, le dichiarazioni di principio e la condivisione delle nostre lamentele da parte dei dirigenti del MIUR non bastano; la funzionalità dei servizi deve diventare oggetto di una revisione profonda dei rapporti tra scuole e centri ministeriali senza ulteriori rinvi.