Sciopero 8 marzo 2024

Home » Attualità » Decreto Legge Aiuti quater: gli emendamenti approvati dal Senato

Decreto Legge Aiuti quater: gli emendamenti approvati dal Senato

Confermati i 100 milioni una tantum per la scuola. Assorbito il decreto legge 179/22 con 150 milioni di euro per le supplenze temporanee provenienti dai risparmi dell’organico Covid.

10/01/2023
Decrease text size Increase  text size

La Camera dei Deputati ha tempo fino al 17 gennaio 2023 per approvare il Decreto Legge 176 del 18 novembre 2022 concernente “Misure urgenti di sostegno nel settore energetico e di finanza pubblica” con le modifiche introdotte dal Senato della Repubblica.

Come stabilito dall’Accordo politico sottoscritto il 10 novembre 2022 tra il Ministero dell’Istruzione e le organizzazioni sindacali del comparto “Istruzione e Ricerca”, l’art. 14 comma 3 stanzia ulteriori 100 milioni di euro per il solo anno 2022 ad integrazione delle risorse contrattuali per il triennio 2019-2021. In base a tale accordo le risorse saranno destinate alla componente fissa della retribuzione accessoria del personale docente e ATA. In particolare 85,8 milioni di euro sono per il personale docente e 14,2 milioni di euro per il personale ATA. Tali risorse saranno oggetto della fase contrattuale in corso con l’ARAN dopo che lo scorso 6 dicembre è stato sottoscritto il CCNL  sui principali aspetti del trattamento economico del personale del comparto Istruzione e ricerca per il triennio 2019-2021.

Durante la discussione sono stati assorbiti i contenuti del decreto legge 179/22 "Misure urgenti in materia di accise sui carburanti e di sostegno agli enti territoriali e ai territori delle Marche colpiti da eccezionali eventi meteorologici". Conseguentemente l’art. 15 comma 10 prevede che al fine di consentire il tempestivo pagamento dei contratti di supplenza breve e saltuaria del personale scolastico, è autorizzata per il 2022 la spesa di 150 milioni di euro. La copertura di tale spesa è data dai risparmi 2022 sul cosiddetto organico covid (articolo 231-bis, comma 1, lettera b), del decreto-legge 19 maggio 2020, n. 34).

Vengono introdotte modifiche alla disciplina della Commissione tecnica PNRR-PNIEC (Piano Nazionale Integrato per l’Energia e il Clima). Premesso che il personale docente delle istituzioni scolastiche non può essere designato a far parte di tale Commissione PNRR-PNIEC, si stabilisce che tale divieto non opera per i membri che appartengono anche alla Commissione tecnica a cui è affidata l’istruttoria per la valutazione di impatto ambientale valutazione ambientale strategica (VIA-VAS). (art. 11 comma 1 lettera 0a).

Confermato l’incremento da 600 a 3.000 euro del limite delle somme erogate o rimborsate dai datori di lavoro ai lavoratori per il pagamento delle utenze domestiche del servizio idrico integrato, dell’energia elettrica e del gas naturale. Tale previsione è limitata al periodo di imposta 2022.

Sono stanziati ulteriori 100 milioni di euro in favore degli enti del terzo settore iscritti al Registro unico nazionale del Terzo settore, delle organizzazioni di volontariato e delle associazioni di promozione sociale coinvolte nel processo di trasmigrazione di cui all’articolo 54 del decreto legislativo 3 luglio 2017, n. 117, delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale, delle fondazioni, delle associazioni, delle aziende di servizi alla persona e degli enti religiosi civilmente riconosciuti, a ristoro per l’anno 2022 dell’aumento dei costi dell’energia termica ed elettrica. La parziale copertura di tale spesa è determinata dalla riduzione di 50 milioni di euro del Fondo Bonus Trasporti, la cui dotazione passa da 190 a 140 milioni di euro. Ricordiamo che il Fondo Bonus Trasporti è stato istituito dal “Decreto Aiuti” (art. 35 del decreto legge 50/2022) ed è finalizzato all’erogazione di un contributo in caso di acquisto, entro dicembre 2022, di un abbonamento - annuale, mensile o relativo a più mensilità - ai servizi di trasporto pubblico locale, regionale e interregionale o ai servizi di trasporto ferroviario nazionale. Il Bonus può essere richiesto accedendo al specifico portale dalle persone fisiche che nell’anno 2021 hanno conseguito un reddito complessivo non superiore a 35.000 euro.