Sciopero 8 marzo 2024

Home » Attualità » Mobilitazione internazionale dei sindacati dell’istruzione: la FLC CGIL organizza un webinar nella Settimana Europea degli Insegnanti

Mobilitazione internazionale dei sindacati dell’istruzione: la FLC CGIL organizza un webinar nella Settimana Europea degli Insegnanti

Il 6 ottobre prossimo a confronto con autorevoli rappresentati sindacali di alcuni dei più importanti paesi europei. Dalle ore 14.30 la diretta sul nostro canale YouTube

05/10/2023
Decrease text size Increase  text size

La FLC CGIL organizza un seminario internazionale online per analizzare e confrontare gli obiettivi e le criticità dei sistemi educativi in alcuni dei più importanti paesi europei. Il webinar si inserisce nell’ambito della campagna di ETUCE #MakeTeachingAttractive per la Settimana europea degli insegnanti dal 2 al 6 ottobre 2023 e della campagna di Education International, La forza del pubblico: Insieme creiamo la scuola! che chiede a tutti i governi e alla comunità internazionale di aumentare i finanziamenti pubblici per sostenere la qualità della professione docente e del personale di supporto (ATA).

Link per assistere alla diretta in inglese su Youtube

Locandina IT

Locandina EN

L’iniziativa si inserisce nel percorso indicato dalla CGIL, che nell’ultimo Congresso della CES/ETUC, per voce del segretario generale Maurizio Landini, ha proposto una mobilitazione europea congiunta sulle rivendicazioni salariali, la lotta al carovita e i diritti dei lavoratori, preceduta da mobilitazioni nazionali e il Congresso aveva accettato e approvato. In questo contesto di rivendicazioni condivise a livello internazionale, il 7 ottobre in Italia, è convocata la manifestazione La via maestra, insieme per la Costituzione, preceduta da assemblee in tutti i luoghi di lavoro, incluse scuole, università, centri di ricerca, Accademie delle belle arti e Conservatori.

Il 6 ottobre proveremo a fare una sintesi di questi percorsi di mobilitazione a partire dalle parole d’ordine indicata dalla campagna ETUCE con le dieci le richieste da fare ai governi nazionali, in modo da elevare lo status e l’attrattività della professione docente e assicurare un’istruzione pubblica di qualità per tutti:

  • promuovere l’autonomia professionale
  • fornire salari dignitosi e competitivi
  • supportare la formazione iniziale e in servizio per favorire la permanenza
  • assicurare uno sviluppo professionale di qualità
  • integrare uguaglianza e diversità
  • sostenere condizioni di lavoro sicure
  • assicurare un controllo del carico di lavoro e un equilibrio tra il lavoro e la vita
  • creare culture democratiche della scuola
  • assicurare il dialogo sociale
  • valorizzare, rispettare e rafforzare la professione docente.

La FLC CGIL, insieme ai colleghi di Spagna, Francia, Germania, Portogallo, Romania e Polonia intende delineare lo stato dell'arte nella mobilitazione per ottenere i 10 punti della campagna.

Programma dei lavori

14:30 apertura e introduzione, Claudio Franchi, Responsabile Dipartimento Affari Internazionali FLC CGIL, Quale educazione vogliono i sindacati
14:35 Susan Flocken, Direttore europeo dell'ETUCE, Il ruolo delle organizzazioni internazionali a livello nazionale

Richieste e risultati dei sindacati dell’istruzione

14:50 Graziamaria Pistorino, Segretaria Nazionale FLC CGIL - Italia
15:00  Cuqui Vera, Dipartimento Affari Internazionali FECCOO - Spagna
15:10 Alexandra Bojanic, Dipartimento Affari Internazionali FSU-SNUipp - Francia
15:20 Gesa Bruno-Latocha, Dipartimento Affari Internazionali GEW - Germania
15.30 Manuela Mendonça, Componente dell’Executive Board di Education International e del Dipartimento Affari Internazionali FENPROF - Portogallo
15:40 Dorota Obidniak, Dipartimento Affari Internazionali ZNP - Polonia
15:50 Alexandra Cornea, Dipartimento Affari Internazionali FSLE – Romania
16:00 Gianna Francassi, Segretaria generale FLC CGIL, Diritto all’istruzione e cittadinanza: l’impegno della FLC CGIL per una mobilitazione internazionale

La FLC CGIL, oltre al miglioramento delle condizioni dei lavoratori del settore istruzione e ricerca, rivendica in ogni contesto gli investimenti per assicurare un’istruzione pubblica di qualità per tutti.