Iscriviti alla FLC CGIL

Home » Comunicati stampa » Comunicati FLC CGIL » Insegnante licenziata perché divorziata

Insegnante licenziata perché divorziata

Tutta la nostra solidarietà a Caterina Bonci

07/09/2005
Decrease text size Increase  text size

Comunicato stampa di Enrico Panini
Segretario generale della Federazione Lavoratori della Conoscenza Cgil

Il licenziamento della professoressa Caterina Bonci, docente di religione cattolica a Fano, rappresenta un fatto inaccettabile ed una autentica discriminazione.

L’unica responsabilità dell’insegnante è quella di essere divorziata da oltre 10 anni e per questo non più ritenuta idonea all’insegnamento da parte della diocesi di Fano.

E’ inaccettabile essere discriminati per fatti che riguardano la propria vita privata, ed è ancora più inaccettabile che ciò avvenga sulla base di regole estranee a quelle che sovrintendono i rapporti di lavoro pubblici nella scuola italiana e che valgono per tutti.

Esprimiamo la nostra solidarietà alla professoressa Bonci colpita da questa decisione due volte, come docente stimata e come donna autonoma e libera.

Come lei, negli anni passati, anche altri insegnanti sono stati oggetto di queste discriminazioni e la questione è stata rimessa, alcuni anni fa, dal Comitato Pari Opportunità alla Corte di Giustizia europea con richiesta di pronunciamento su questi gravi fatti.

Roma, 7 settembre 2005

FERMIAMO L’AUTONOMIA DIFFERENZIATA!

Nei prossimi giorni potrai firmare
per il referendum abrogativo.

APPROFONDISCI