Inchiesta nazionale sul lavoro promossa dalla CGIL

Home » Notizie dalle Regioni » Abruzzo » Vertenza appalti storici in Abruzzo: oggi si è tenuto un nuovo incontro con il Ministero

Vertenza appalti storici in Abruzzo: oggi si è tenuto un nuovo incontro con il Ministero

L’obiettivo è quello di rendere adeguati gli stanziamenti per garantire le retribuzioni dei lavoratori, la continuità e la qualità del servizio

06/06/2008
Decrease text size Increase  text size

Per effetto del Bando Regionale emanato a seguito della Direttiva n. 68/2005,51 scuole Abruzzesi hanno rischiato il collasso del servizio di pulizia e assistenza agli alunni. Infatti, le 420.000 ore effettuate in precedenza si sarebbero ridotte a 250.000, con un abbattimento del 40%, con il subentro della nuova A.T.I. 330 lavoratori, in gran parte donne senza altre fonti di reddito, hanno rischiato di vedersi ridurre la retribuzione già misera di 400/600 euro mensili.

La vertenza, iniziata alcuni mesi fa, è stata messa in campo dalla FLC Cgil insieme a FILCAMS Cgil, FISASCAT Cisl e UILTRASPORTI Uil.

Nel mese di marzo, con il supporto del Direttore Scolastico Regionale e delle nostre Segreterie Nazionali, abbiamo sottoscritto impegni presso il Ministero con il risultato di attenuare il subentro, avvenuto il 21 aprile scorso, con fondi aggiuntivi.

L’inadeguatezza degli stanziamenti continua, però, a preoccuparci per il prossimo anno scolastico e per l’intera durata dell’appalto.

Riscontriamo la necessità di rendere strutturali con la manovra di assestamento di bilancio i fondi già messi a disposizione e di reperire ulteriori risorse per mantenere gli attuali servizi fino a dicembre e nei prossimi anni.

Nell’incontro, tenutosi oggi 6 giugno in Viale Trastevere,il Ministero ha ribadito gli impegni assunti in precedenza e ci ha invitato a un nuovo incontro formale con la presenza del Direttore Generale Abruzzo da tenersi subito dopo il 30 giugno.

Roma, 6 giugno 2008