Inchiesta nazionale sul lavoro promossa dalla CGIL

Home » Notizie dalle Regioni » Puglia » Bari » Bari, appalti di pulizia nelle scuole: iniziativa di protesta contro la riduzione delle risorse

Bari, appalti di pulizia nelle scuole: iniziativa di protesta contro la riduzione delle risorse

L'11 gennaio si è svolto un sit-in organizzato da FLC e Filcams Cgil.

12/01/2010
Decrease text size Increase  text size

Lunedì 11 gennaio il personale dipendente dalle ditte di pulizia delle scuole ha manifestato, con un sit-in, dinanzi alla sede dell'Ufficio scolastico regionale a Bari, per protestare contro una recente circolare del ministro Gelmini che riduce del 25% la spesa per gli appalti alle ditte di pulizia.

Grazie a questa circolare le scuole saranno costrette a ridurre il servizio e si dimostrerà, ancora una volta, la pervicace volontà di questo governo di far pagare i costi della crisi soprattutto alle fasce di lavoratori più deboli e, contrattualmente, meno tutelati. Basti considerare che a queste lavoratrici e lavoratori s'impone la modifica unilaterale di contratti in essere (regolarmente sottoscritti e attualmente pienamente in vigore).

La riduzione delle risorse produrrà, molto verosimilmente, l'immediato licenziamento dei lavoratori delle ditte d'appalto, mentre aumenteranno i carichi di lavoro del personale collaboratore scolastico, su cui già gravano i tagli di 250 unità in meno nella sola provincia di Bari.

Le 346 scuole della provincia sono ormai allo stremo e la FLC Cgil di Bari, per il tramite del direttore dell'USR Puglia dott.ssa Lucrezia Stellacci, chiederà al Ministro Gelmini il ripristino dell'assegnazione di tutte le risorse dovute e utili per il ritorno al normale funzionamento didattico e amministrativo delle istituzioni scolastiche.

Roma, 12 gennaio 2010