Iscriviti alla FLC CGIL

Home » Ricerca » CNR: produttività collettiva e sussidi sanitari

CNR: produttività collettiva e sussidi sanitari

Nei prossimi mesi l’Ente provvederà all’erogazione di alcuni arretrati dovuti al personale, in particolare i sussidi sanitari relativi al 2021 e la quota di produttività collettiva per il personale IV-VIII.

21/03/2024
Decrease text size Increase  text size

L’Amministrazione del CNR continua nei primi mesi del 2024 a corrispondere le somme dovute al personale secondo quanto previsto dai contratti integrativi sottoscritti dalle OO.SS. come conguagli e residui di diverse voci stipendiali relativi agli anni dal 2018 al 2021.

Produttività collettiva livelli IV-VIII

Nel mese di marzo verrà corrisposta la quota spettante della produttività collettiva per i livelli IV-VIII degli anni 2018 e 2019. Nel mese di aprile quella degli anni 2020 e 2021.

Ricordiamo che la componente collettiva rappresenta il 90% del fondo dedicato alla produttività, ed è erogata sulla base della valutazione della struttura di afferenza e del numero di giorni di effettiva presenza.

Il restante 10% del fondo è riservato alla produttività individuale, che verrà corrisposta successivamente.

Indicativamente la somma massima erogata per gli anni 2018 e 2019 sarà di circa 200 euro/anno (la cifra effettiva dipenderà anche dal numero di giorni di presenza).

Sussidi sanitari

Sempre nel mese di marzo verranno erogati a tutto il personale che ne ha diritto i sussidi sanitari relativi alle richieste presentate per l’anno 2021.

Indennità di responsabilità

Le indennità di responsabilità per il personale IV-VIII relative agli anni 2011-2017 saranno erogate nel mese di maggio ai dipendenti per i quali il datore di lavoro ha fatto richiesta di attribuzione.

L’Amministrazione del CNR, più volte sollecitata dalla FLC CGIL, procede dunque nell’erogazione di quanto dovuto. Per il personale T/A la quota del salario accessorio rappresenta una parte non trascurabile dello stipendio complessivo, pertanto la FLC CGIL auspica si arrivi a definire e quindi a corrispondere in maniera più celere a tutto il personale la parte variabile dello stipendio.

Altre notizie da: