Sciopero 8 marzo 2024

Home » Ricerca » All'INDIRE performance per tutti i profili, anche per ricercatori e tecnologi! Dalla FLC un secco NO. L'amministrazione minaccia atto unilaterale

All'INDIRE performance per tutti i profili, anche per ricercatori e tecnologi! Dalla FLC un secco NO. L'amministrazione minaccia atto unilaterale

Contrasti, accordi in sospeso, ritardi: procede il tavolo tecnico di trattativa.

07/07/2023
Decrease text size Increase  text size

Ieri, 6 luglio 2023, si è tenuto il tavolo tecnico funzionale alla trattativa sindacale in INDIRE.

Il primo tema trattato è stato quello della contrattazione integrativa. L’amministrazione ha esposto l’intenzione di procedere con atto unilaterale per una soluzione provvisoria relativamente agli accordi ’integrativi 2019, sulla base di bozze per noi inaccettabili. Come già più volte condiviso, infatti, FLC CGIL ha espresso all’amministrazione la sua contrarietà all’introduzione di processi di valutazione individuale della performance. L’atto unilaterale per noi è una decisione molto grave, che rifiutiamo senza alcuna eccezione. Si è deciso di proseguire con il confronto almeno fino al giorno 20 luglio, data in cui saremo nuovamente convocati.

Abbiamo poi chiesto aggiornamenti sui vari temi ancora in sospeso:

Accordi in attesa di approvazione dei revisori
Gli accordi finora sottoscritti (fondo art. 90, committenti esterni, benefici socioassistenziali) sono ancora in attesa di essere calendarizzati dai revisori. L’amministrazione invierà un terzo sollecito affinché sia riconosciuta la priorità di una approvazione attesa ormai da mesi. L’amministrazione ha assicurato di aver predisposto tutto il necessario per procedere in tempi rapidi a dare effettività agli accordi non appena approvati.

Precariato
Abbiamo sollecitato l’aggiornamento della ricognizione sugli aventi diritto a rientrare nei processi di stabilizzazione in conseguenza della nuova normativa, un atto da aggiornare periodicamente fino al 2026 come si sta procedendo in altri enti (p.e. INAF). Fino al 2026 la quota dei tre anni per rientrare nel comma 1 e nel comma 2 della Legge Madia resta maturabile per tutto il personale precario. L’amministrazione si è detta disponibile e interessata ad approfondire il tema, per cui sarà dato un feedback nell’incontro del prossimo 20 luglio.

Sotto-inquadramento
Abbiamo chiesto notizie anche delle procedure concorsuali previste nel PTA per 20 posti da Ricercatore III livello, in particolare per quanto riguarda il 50% dei posti riservati a procedura interna che dovrebbero costituire un primo passo verso il riconoscimento della corretta posizione per il personale di alta competenza attualmente sotto-inquadrato. L’amministrazione ha confermato che le procedure saranno avviate nell’autunno 2023, per cui entreremo nel merito subito dopo l’estate.

Progressioni di livello ex-art. 15
Sul tema delle progressioni per Ricercatori e Tecnologi, l’amministrazione ha richiesto al Ministero vigilante un chiarimento rispetto alle risorse rese disponibili dalla Legge di Bilancio del 30/12/2021 (e Milleproroghe successivo) nel 2022 e nel 2023. Il differente criterio di calcolo nella distribuzione delle risorse ha prodotto una variazione negativa per cui resta da determinarsi per INDIRE quali siano le possibilità di utilizzo dell’erogazione del 2022. Torneremo sul tema, nella prospettiva condivisa di non disperdere, neanche in parte, le risorse assegnate per le progressioni del personale della Ricerca, processo per cui al momento INDIRE è in evidente ritardo rispetto a molti altri EPR.

Altre notizie da: