Sciopero 8 marzo 2024

Home » Scuola » Raggiunta l’intesa sui servizi ata

Raggiunta l’intesa sui servizi ata

Comunicato dei sSndacati Nazionali della Scuola Cgil, Cisl, Uil e Snals

06/06/2000
Decrease text size Increase  text size

Le segreterie nazionali dei sindacati scuola valutano positivamente l’intesa conseguita con il Ministro della P.I. sui servizi amministrativi, tecnici e ausiliari il 5 Giugno 2000. Gl’impegni assunti dal Ministro rappresentano un primo avvio concreto di un quadro d’interventi a sostegno dei servizi scolastici della scuola dell’autonomia che dovrà essere attuato in previsione dell’avvio del prossimo a.s. L’intesa recepisce i punti fondamentali posti dalla vertenza ATA e dalla mobilitazione del settore del 2 maggio u.s..

I punti salienti riguardano:

  • il mantenimento del numero complessivo dei posti di lavoro e l’adozione di tabelle organiche sperimentali per l’anno scolastico 2000/01 che saranno oggetto di modifiche concertate con le OO.SS. e di confronto nella categoria, in modo da assicurare per l’a. s. 2001/02 piante organiche più coerenti alle esigenze dei servizi ATA della scuola dell’autonomia;

  • l’attuazione del decentramento amministrativo conseguente alla riforma dell’amministrazione centrale e periferica attraverso procedure che non determineranno aggravi nei carichi di lavoro delle scuole;

  • la garanzia del reperimento di ulteriori risorse economiche per la corresponsione del salario accessorio ai dipendenti transitati dagli EE.LL. che determinerà le possibili condizioni per una rapida conclusione della specifica trattativa in corso all’ARAN;

  • l’emanazione tempestiva di provvedimenti per le assunzioni a tempo indeterminato e determinato per un corretto avvio del prossimo a.s. prevedendo la parità di trattamento di tutti i lavoratori precari; la prosecuzione degli appalti e le garanzie di stabilizzazione dei lavoratori impegnati nei LSU;

  • la definizione di procedure atte a garantire il pagamento dei supplenti annuali e temporanei; il reperimento di risorse per l’attivazione dei corsi di formazione previsti dal CCNL.

CGIL, CISL, UIL e SNALS sono impegnate a proseguire l’iniziativa e il confronto con il MPI per l’attuazione concreta degli impegni assunti.

6 giugno 2000