Iscriviti alla FLC CGIL

Home » Scuola » Scuola: Fioroni risponde in Parlamento sullo stato dei finanziamenti alle scuole

Scuola: Fioroni risponde in Parlamento sullo stato dei finanziamenti alle scuole

Si annunciano misure positive ma le scuole hanno bisogno di certezze immediate

27/04/2007
Decrease text size Increase  text size

Le nostre forti iniziative di mobilitazione, le numerose proteste delle scuole, le denunce che abbiamo sollecitato in tutta Italia stanno producendo dei risultati.
Apprendiamo, infatti, che dall’audizione al Parlamento del Ministro Fioroni sono scaturirti degli impegni positivi che potrebbero andare nella giusta direzione.
Il Ministro ha finalmente riconosciuto che il problema c’è, che esistono ben 425 milioni di euro sottratti alle scuole nel quinquennio passato tanto da creare un buco nelle casse scolastiche in modo particolare per le spese sulle supplenze e per la Tassa sui rifiuti.
Meglio tardi che mai. Da ciò l’impegno di fare una ricognizione sui debiti entro il 15 maggio e di lanciare un piano pluriennale per il ripianamento dei debiti sia per le supplenze sia per la Tarsu/TIA; ha inoltre annunciato che chiederà lo spostamento delle spese per supplenze per maternità fuori dalla scuola totalmente o almeno al 60%.
Ma le scuole hanno bisogno di certezze. Per questo occorrono atti concreti per dare serenità alle famiglie, ai supplenti, ai DSGA e ai Dirigenti Scolastici, che debbono continuare a chiamare i supplenti, come hanno sempre fatto, per applicare le leggi dello stato e assicurare il diritto allo studio.

Roma, 27 aprile 2007

FERMIAMO L’AUTONOMIA DIFFERENZIATA!

Nei prossimi giorni potrai firmare
per il referendum abrogativo.

APPROFONDISCI