Sciopero 8 marzo 2024

Home » Scuola » Scuole italiane all'estero » Personale scolastico all’estero: pubblicato il messaggio sui trasferimenti e le procedure per i perdenti posto

Personale scolastico all’estero: pubblicato il messaggio sui trasferimenti e le procedure per i perdenti posto

Il MAECI avvia le annuali procedure senza fornire una adeguata informazione sindacale. Tempi ristretti per la mobilità: 5 giorni per le SEU e 3 giorni per i trasferimenti d’ufficio. La FLC CGIL rivendica il ripristino degli istituti contrattuali in tema di mobilità da e per l’estero.

24/05/2023
Decrease text size Increase  text size

Con comunicazione alle sedi consolari, pubblicazione sul sito e mail alle organizzazioni sindacali, il MAECI, confermando le disposizioni della circolare 5 del 2017, i cui contenuti sono stati contestati e contrastati fin dal primo momento dalla FLC CGIL, comunica con nota del 22 maggio i termini per i trasferimenti volontari del personale delle Scuole Europee e per i trasferimenti d’ufficio, continuando a negare la mobilità al restante personale all’estero.

Trasferimenti a domanda nelle Scuole Europee

Le domande di trasferimento relative al personale in servizio presso le Scuole Europee dovranno essere redatte compilando l'Allegato B della circolare 5 e dovranno essere trasmesse via pec entro cinque giorni lavorativi, dalla data di pubblicazione della comunicazione (cioè entro il 27 maggio), all’indirizzo di posta certificata dell'Ufficio (dgdp.05@cert.esteri.it) mettendo in copia la direzione della Scuola Europea di riferimento per opportuna conoscenza.

È consentita la revoca della domanda di trasferimento entro i medesimi termini. Scaduti i termini per la presentazione della domanda di trasferimento, non sarà più consentito integrare e/o modificare le preferenze già espresse (anche per quanto riguarda l’ordine delle medesime).

In base all'art. 4, comma 2 dello Statuto del personale distaccato presso le Scuole Europee, l'Ufficio V chiederà il parere dell'Ispettore Nazionale competente in merito al trasferimento.

L’Ufficio V quindi procederà all'autorizzazione dei trasferimenti, redigendo graduatorie, distinte per codice funzione, relative al personale in servizio presso le Scuole Europee.

Le graduatorie saranno redatte sulla base dei criteri e dei punteggi indicati nell’Allegato 1, per poi essere pubblicate sulla pagina web relativa alla sezione “Scuole italiane all’estero” del sito internet ministeriale.

Entro 5 gg dalla pubblicazione chi ha presentato domanda di trasferimento potrà avanzare reclamo motivato all’Ufficio V, utilizzando l’indirizzo di posta certificata dgdp.05@cert.esteri.it

Le graduatorie definitive saranno pubblicate sulla pagina web relativa alla sezione “Scuole italiane all’estero” del sito internet ministeriale alla voce relativa ai trasferimenti.

In allegato il prospetto delle sedi disponibili.

Trasferimenti d’ufficio

Il MAECI invierà formale comunicazione agli interessati, per il tramite delle Ambasciate e degli Uffici consolari competenti, sui trasferimenti disposti nei loro confronti.

La dichiarazione di accettazione e/o di rinuncia del trasferimento dovrà essere redatta compilando il modello allegato da inviare via pec all’indirizzo di posta certificata dgdp.05@cert.esteri.it – inserendo in copia gli Uffici diplomatici di riferimento per opportuna conoscenza - entro cinque giorni dalla notifica del trasferimento d'ufficio.

Il mancato invio dell’accettazione e/o della rinuncia equivarrà a rinuncia, con conseguente restituzione ai ruoli metropolitani.

Successivamente, l’Ufficio V procederà alla pubblicazione dei trasferimenti d’ufficio sulla pagina web relativa alla sezione “Scuole italiane all’estero” del sito internet ministeriale, alla voce relativa ai trasferimenti, dandone comunicazione all’interessato/a.

Disposizioni comuni

I trasferimenti saranno condizionati dalle procedure relative al perfezionamento del Decreto interministeriale di contingente, già firmato dal MAECI e dal MIM.

La nostra posizione

La FLC CGIL lamenta l’assenza di una comunicazione adeguata soprattutto sul tema dei perdenti posto: il MAECI non ha fornito dettagli circa i posti soppressi e i motivi della soppressione, né un prospetto dei posti effettivamente disponibili per i trasferimenti d’ufficio. Continua la nostra rivendicazione per restituire tutta la mobilità professionale del personale scolastico verso l’estero e fra le sedi estere alla regolazione contrattuale e per il superamento del Dlgs 64 del 2017 (applicativo della legge 107/2015), che tanti danni sta procurando ai corsi, ai lettorati ed alle scuole italiane all’estero. Il trattamento della mobilità fra sedi estere, limitata su base volontaria alla sola mobilità del personale delle scuole europee, è lesivo delle prerogative contrattuali, giacché ridotto ad una circolare applicativa di una legge senza nessun tipo di coinvolgimento delle parti sindacali. Riportare la mobilità del personale scolastico all’estero, anche fra sedi estere, è uno dei punti rivendicativi della nostra piattaforma per il rinnovo del CCNL.