Sciopero 8 marzo 2024

Home » Scuola » Sperimentazione filiera formativa tecnologico-professionale: CSPI boccia provvedimento

Sperimentazione filiera formativa tecnologico-professionale: CSPI boccia provvedimento

Il Consiglio Superiore della Pubblica Istruzione ha espresso un parere con 20 voti a favore della bocciatura e due astenuti

07/12/2023
Decrease text size Increase  text size

Il Consiglio Superiore della Pubblica Istruzione (CSPI) riunito in adunanza plenaria (in via telematica) il 7 dicembre 2023 si è espresso sullo schema di decreto concernente il progetto nazionale di sperimentazione relativo all’istituzione della filiera formativa tecnologico-professionale. Scarica il parere del CSPI.

Con lo schema di decreto in esame il Ministero intende promuovere un piano nazionale di sperimentazione relativo all’istituzione della filiera formativa tecnologico-professionale, ai fini di verificare l’efficacia della progettazione di un’offerta formativa integrata tra i percorsi degli istituti tecnici e professionali, le istituzioni formative accreditate dalle Regioni e gli ITS Academy, le istituzioni, i contesti produttivi e il mondo delle imprese.

Il CSPI in un parere estremamente dettagliato rileva nell’impianto generale diversi, significativi elementi di criticità a partire dalla compressione dei curricoli in un percorso quadriennale e dall’anticipo dei PCTO al secondo anno.

Pertanto secondo il Consiglio Superiore della Pubblica Istruzione occorre modificare significativamente il testo dello schema di decreto al fine di superare le criticità evidenziate anche in relazione alle problematiche connesse ai tempi di attuazione della sperimentazione che non consentirebbero l’indispensabile informazione alle famiglie, le dovute azioni di orientamento per le studentesse e per gli studenti, i necessari confronti tra i molti soggetti coinvolti nelle reti per costruire relazioni significative. E questo anche al fine di non perdere una importante sfida educativa e formativa per i giovani del nostro Paese.

Stante le criticità e le problematicità come sopra evidenziate il CSPI esprime parere negativo.