Iscriviti alla FLC CGIL

Home » Scuola » Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie 2022/2023: l’incomprensibile esclusione dei docenti assunti da GPS

Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie 2022/2023: l’incomprensibile esclusione dei docenti assunti da GPS

Una decisione che non condividiamo: da qui la richiesta unitaria al ministero per consentirne la partecipazione. Il nostro sostegno al presidio del 23 giugno in viale Trastevere.

23/06/2022
Decrease text size Increase  text size

Dopo la pubblicazione della nota ministeriale 23439 del 17 giugno 2022 relativa alle indicazioni operative sulle utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo ed ATA – a.s. 2022/2023, nella quale risulta del tutto assente un riscontro circa il possibile accesso dei docenti assunti da GPS articolo 59 c.4 DL 73/2021 come FLC CGIL, insieme alle altre sigle sindacali, abbiamo inoltrato al ministero una formale richiesta di estensione del diritto di partecipazione per i suddetto personale.

Speciale mobilità annuale 2022/2023

Non ravvisiamo, infatti, alcun motivo che giustifichi la loro esclusione, dal momento che concluso l’anno di formazione e prova saranno confermati a tempo indeterminato con retrodatazione giuridica a.s. 2021/2022 ritrovandosi, pertanto, nelle medesime condizioni già previste dal CCNI 2019-2022 (prorogato anche per il 2022/2023) per i docenti ex FIT di cui al DDG 85/2018.

L’impegno per rappresentare questa causa continua anche sul piano della mobilitazione: saremo, infatti presenti al presidio del Coordinamento docenti assunti da GPS, nella giornata del 23 giugno 2022 davanti al ministero dell’istruzione.

_____________________

Al Ministro dell’Istruzione
Prof. Patrizio Bianchi

E, p.c.Al Capo di Gabinetto Dott. Luigi Fiorentino
Al Capo Dipartimento MI Dott. Stefano Versari

OGGETTO: Richiesta di estensione, anche al personale assunto da GPS (art.59 – comma 4), della possibilità di presentare istanze di utilizzazione/assegnazione provvisoria per l’a.s. 2022/23. In via subordinata, richiesta di interpretazione autentica CCNI su assegnazioni provvisorie e utilizzazioni aa.ss. 2019/22 personale Comparto Istruzione.

Premesso che

Al personale docente assunto ex art.59 – comma 4 D.L.73/2021 viene negata la possibilità di presentare domanda di assegnazione provvisoria e di utilizzazione a valere sull’a.s.2022/23 in quanto trattasi di personale con contratto a tempo determinato che sarà trasformato in contratto a tempo indeterminato con decorrenza giuridica dall’a.s.2021/22 ed economica dall’a.s.2022/23

Considerato che

Il CCNI sulle utilizzazioni e assegnazioni provvisorie che ne determina tempi e modi, è quello sottoscritto l’08 luglio 2020 che, nella parte relativa al personale docente, prevede espressamente quanto segue:

  • Art.7 – comma 2 – 2° periodo “Non sono consentite le assegnazioni provvisorie nei confronti di personale scolastico assunto a tempo indeterminato con decorrenza giuridica coincidente all’inizio dell’a.s.2019/20 ovvero 2020/21 e 2021/22, fatto salvo per i docenti che sono stati assunti con DDG n.85/2018”;
  • Allegato 1 – Sequenza operativa n.42 “Operazioni di assegnazione provvisoria docenti DDG. 85/018” dedicata al personale docente, esplicita quanto segue: “Assegnazione provvisoria dei docenti assunti con procedura ex DDG n.85/2018, il personale docente beneficiario delle precedenze di cui all’art.8 viene trattato con priorità, nell’ordine previsto. Art. 7 comma 2”;

Considerato che

  • Il personale docente assunto ex art.59 – comma 4 D.L.73/2021 si trova nelle medesime condizioni del personale ex DDG n.85/2018 è stato ammesso alla presentazione della domanda di assegnazione provvisoria per l’a.s. 2019/20 nonostante il rispettivo contratto a tempo determinato sia stato trasformato a tempo indeterminato a partire dal 1° settembre 2019;
  • Il 16 giugno è stato prorogato, per l’a.s. 2022/23 il CCNI sulle Utilizzazioni e Assegnazioni Provvisorie per il triennio

2019/22 e che lo stesso, per il principio dell’ultrattività, produce effetti sul personale;

Per tali motivazioni, le scriventi Organizzazioni Sindacali

chiedono

che sia garantita a tale personale la possibilità di presentare domanda di assegnazione provvisoria analogamente al personale già a tempo indeterminato.

In via subordinata, chiedono l’interpretazione autentica dell’art. 7 comma 2, nella parte citata e della sequenza operativa n. 42 del CCNI sulle utilizzazioni e assegnazioni provvisorie sottoscritto l’08 luglio 2020, al fine di permettere anche a tale personale di presentare la domanda di assegnazione provvisoria per l’a.s. 2022/23.

Risulta, infatti, evidente la discriminazione condotta ai danni di tale personale che, sicuramente, costituirà materia di ricorsi giurisdizionali di cui la scuola farebbe volentieri a meno.

FLC CGIL
Francesco Sinopoli

CISL Scuola
Ivana Barbacci

UIL Scuola Rua
Giuseppe Turi

SNALS Confsal
Elvira Serafini

GILDA Unams
Rino Di Meglio

FERMIAMO L’AUTONOMIA DIFFERENZIATA!

Nei prossimi giorni potrai firmare
per il referendum abrogativo.

APPROFONDISCI