Sciopero 8 marzo 2024

Home » Università » AFAM: proclamato lo stato di agitazione

AFAM: proclamato lo stato di agitazione

II contratto di lavoro del personale delle accademie e dei conservatori è scaduto da quarantadue mesi e ancora non si trova la soluzione per portarlo al rinnovo. FLC Cgil, CISL Università e UILPA UR AFAM chiedono l'apertura del tentativo di conciliazione.

19/06/2009
Decrease text size Increase  text size

>> Speciale Contratto AFAM 2006/2009 <<

I Segretari generali di FLC Cgil, CISL Università e UILPA UR AFAM, hanno richiesto l'apertura del tentativo obbligatorio di conciliazione per il comparto dell’AFAM perché intendono esperire tutte le strade possibili alla ripresa e conclusione della trattativa relativa al rinnovo del contratto di lavoro. Non si ritiene più sopportabile un simile comportamento: il contratto di lavoro del personale delle accademie e dei conservatori è scaduto da quarantadue mesi e ancora non si trova la soluzione per portarlo al rinnovo.

Davvero scandaloso approfittare dei tanti che con senso di responsabilità si stanno facendo carico della trasformazione in atto senza il minimo riconoscimento economico. Il Ministro ha preso ancora tempo per reperire le risorse aggiuntive necessarie e questo non può trascorrere invano, non si dovrà trasformare nell'ennesima performance dimostrativa senza risultato.

I Sindacati Confederali sono fiduciosi che la loro scelta sia utile alla risoluzione dell'impasse e che a breve riprendano le trattative all'ARAN.

Roma, 19 giugno 2009
___________________

Roma, 19/06/09
Prot. n. 219/2009

On. Mariastella Gelmini
Ministro dell’Istruzione, della
Università e della Ricerca
Ufficio di Gabinetto

Dott. Giorgio Bruno Civello
D.G. Direzione Generale per
L’Alta Formazione Artistica,
Musicale e Coreutica
Ministero della Università e della
Ricerca Scientifica

Avv. Massimo Massella Ducci Teri
Presidente A.Ra.N.

Oggetto: richiesta di apertura del tentativo obbligatorio di conciliazione per il comparto dell’A.F.A.M.

Le scriventi Organizzazioni Sindacali chiedono l’apertura delle procedure previste dalla L. 146/90, e successive modifiche e integrazioni, in materia di raffreddamenti dei conflitti e tentativo obbligatorio di conciliazione.

In attesa che venga esperito il tentativo di conciliazione e considerata la gravità della situazione determinata dalla mancanza del rinnovo del contratto di lavoro scaduto ormai da quarantadue mesi e senza che siano state determinate le condizioni indispensabili per la sua sottoscrizione, le scriventi Organizzazioni Sindacali proclamano lo stato di mobilitazione della categoria.

Si rimane in attesa di riscontro.

Distinti saluti.

FLC Cgil - Domenico Pantaleo
Cisl Università - Antonio Marsilia
UILPA UR AFAM - Alberto Civica