Iscriviti alla FLC CGIL

Home » Università » AFAM » AFAM: le indicazioni del MUR su reclutamento e stato giuridico delle nuove figure di supporto diretto alla didattica

AFAM: le indicazioni del MUR su reclutamento e stato giuridico delle nuove figure di supporto diretto alla didattica

Per gli accompagnatori chiarito che le 12 ore si fanno fuori dall’istituzione e che è possibile prevedere ulteriori titoli di accesso. Regolata la fase transitoria, le procedure di stabilizzazioni e i concorsi in prima applicazione.

23/04/2024
Decrease text size Increase  text size

Il Ministero dell’Università e della Ricerca con nota 6000 del 23 aprile 2024 fornisce le indicazioni alle istituzioni riguardo al reclutamento e allo stato giuridico degli Accompagnatori al pianoforte e al clavicembalo, dei tecnici di laboratorio e dei modelli viventi.

Ricordiamo che

  • i profili sono stati introdotti e disciplinati dal CCNL Istruzione e Ricerca del 18 gennaio 2024
  • le specifiche professionali di ciascuna figura, i requisiti di accesso e gli ambiti professionali sono stati disciplinati dal Contratto Collettivo Integrativo Nazionale del 4 aprile 2024, agli articoli 8 (Modelli viventi), 9 (Tecnici di laboratorio) e 10 (Accompagnatori al pianoforte e al clavicembalo)
  • la sorveglianza sanitaria prioritaria per il personale esposto ad agenti chimici o rumore (alcuni tecnici di laboratorio) o a funzioni comportanti attività fisica prolungata e/o ripetitiva (accompagnatori al pianoforte e modelli viventi) è disciplinata dall’Accordo per la tutela della salute nell’ambiente di lavoro, all’articolo 7 (commi 4 e 5), e dal d.lgs. 81/2008
  • il reclutamento delle nuove figure è disciplinato dal decreto ministeriale 430 del 9 febbraio 2024, che prevede specifiche procedure di stabilizzazione del personale che abbia superato un concorso pubblico per esami (o esami e titoli) e in subordine i concorsi
  • dal 2025/2026 il reclutamento sarà disciplinato dal regolamento in fase di approvazione.

La nota fornisce indicazioni sulle procedure di stabilizzazione per coloro i quali siano in possesso di tutti questi requisiti

  • siano in servizio nell’Istituzione a cui fa istanza di stabilizzazione, o sia stato in servizio nel 2022/2023 o nel 2023/2024 in tale Istituzione
  • abbia maturato tre anni di servizio presso Istituzioni AFAM
  • i tre anni di servizio siano stati prestati in seguito al superamento di una procedura selettiva pubblica per esami o per esami e titoli.

La nota chiarisce che per l’accesso alla stabilizzazione non sono richiesti ulteriori requisiti né titoli e non vengono poste limitazioni relative agli ambiti professionali.

In caso residuino posti vacanti al termine delle procedure di stabilizzazione, il reclutamento avviene per concorso a tempo indeterminato, nei limiti delle facoltà assunzionali.

Con particolare riferimento ai concorsi da accompagnatore, tutti i titoli indicati bel CCNI del 4 marzo 2024 ti consentono l’accesso, a prescindere dall’ambito professionale. Come sostenuto dalla FLC, viene chiarito che per specifici ambiti professionali è possibile prevedere ulteriori titoli che consentano l’accesso (ad esempio quelli dell’ambito Pop Rock), purché si tratti di diplomi accademici di II livello.

Nelle more dell’adozione del decreto che approva la nuova dotazione organica delle istituzioni, i contratti in essere, con scadenza al 31 ottobre 2024, possono continuare a produrre i propri effetti. Laddove vi siano contratti con scadenza precedente è possibile prorogarli fino al 31 ottobre 2024. Qualora il personale in servizio abbia già maturato i requisiti per la stabilizzazione, è possibile stipulare contratti a tempo determinato annuali (con termine fissato al 31 ottobre 2024, salvo cessazione anticipata per stabilizzazione dell’interessato) sui posti deliberati. A tal fine le Istituzioni possono già costituire la graduatoria di stabilizzazione (previo avviso) e procedere alla stipula in base all’ordine di tale graduatoria.

La nota specifica inoltre che

  • le 12 ore di preparazione musicale degli accompagnatori si svolgono al di fuori delle Istituzioni.  È fatta salva la possibilità per gli stessi di decidere se svolgere tutte o parte di tali ore all’interno dell’Istituzione, compatibilmente con le disponibilità di spazi e strumenti
  • i posti in organico sono necessariamente a tempo pieno
  • è possibile concordare tra Istituzione e lavoratore il passaggio da full-time a part-time e viceversa, nel rispetto delle previsioni normative e contrattuali in materia.

Per i modelli viventi in servizio a tempo determinato nell’anno accademico 2023/24 i quali hanno un inquadramento e uno stato giuridico (ivi compreso l’orario di lavoro) diverso da quello previsto dal CCNL del 18 gennaio 2024, l’attuale contratto di lavoro permane fino alla naturale conclusione. Il nuovo inquadramento sarà applicato a decorrere dall’anno accademico 2024/2025, in cui il reclutamento dovrà avvenire ai sensi del DM 430.

Pubblicheremo a breve uno specifico approfondimento su tutta la materia.