Sciopero 8 marzo 2024

Home » Università » Stabilizzazioni nelle Università: ancora passi in avanti

Stabilizzazioni nelle Università: ancora passi in avanti

Torino recepisce la direttiva Nicolais e Palermo approva il regolamento per la stabilizzazione

19/06/2007
Decrease text size Increase  text size

Anche l’università degli studi di Torino stabilizza i lavoratori a tempo determinato come previsto dalla legge finanziaria e dalla direttiva n°7 del dipartimento funzione pubblica. Questo risultato è il frutto dell’iniziativa incessante dei lavoratori e del sindacato, ora l’università dovrà aprire il confronto sull’applicazione delle comma 529 e sul precariato nella ricerca e nella didattica.

Come avevamo già anticipato a nche Palermo stabilizza.

E’ stata notificata la Delibera del C.d.A. del 14 maggio 2007 in cui si recepisce la normativa della legge finanziaria così come interpretata dalla funzione pubblica.

Nella "premessa" della delibera. si evince chiaramente che le Università DEVONO stabilizzare ai sensi dei commi della Legge Finanziaria 2007.

Inoltre (molto importante) è stato approvato il " Regolamento per la stabilizzazione " all'Università di Palermo; tra i primi in Italia (anche questo in allegato).

Sono stati revocati gli attuali bandi di concorso per l'assunzione di personale esterno ed utilizzate le relative somme stanziate per stabilizzare i precari

Infine, il C.d.A. ha deliberato di continuare ad avvalersi del personale precario in attesa della stipula dei contratti a tempo indeterminato.

Roma, 19 giugno 2007