Iscriviti alla FLC CGIL

Home » Attualità » Politica e società » Premio Generazioni 2007: il rapporto fra generazioni come fondamento necessario della società

Premio Generazioni 2007: il rapporto fra generazioni come fondamento necessario della società

Progetto Memoria dello SPI Cgil, con FLC Cgil e con l’Associazione Proteo Fare Sapere, verbale della riunione della giuria.

14/02/2008
Decrease text size Increase  text size

Pubblichiamo di seguito il verbale della riunione della giuria che ha assegnato il Premio Generazioni 2007. Questa iniziativa nasce all’interno del Progetto Memoria dello SPI CGIL e costituisce una articolazione ambiziosa del Premio LiberEtà che si basa sulla collaborazione dello SPI con la FLC Cgil e con l’Associazione Proteo Fare Sapere.

Il premio, che consiste nella pubblicazione del lavoro presentato al concorso, è stato assegnato agli allievi della scuola elementare Pio Borri di Arezzo e della scuola media Dovizi di Bibbiena (AR) che hanno realizzato Cosa rimane della memoria, interviste, disegni, fotografie, ricordi e commenti su fatti accaduti durante la seconda guerra mondiale.

La giuria ha anche deciso di premiare altre due opere: si tratta di due video dedicati l’uno agli Anni in movimento (una ricostruzione degli avvenimenti del 68), realizzato dagli studenti dell’ Istituto di Cinematografia Roberto Rossellini di Roma, e l’altro a L’eccidio di Isoverde (accaduto durante la seconda guerra mondiale), prodotto dagli alunni dell’ Istituto Statale Pontedecimo di Genova.

Roma, 14 febbraio 2008
____________________

VERBALE Giuria
Premio generazioni 2007

È una questione che è stata sempre fondamentale (e non solo per gli esseri umani), e che semmai oggi appare ancor più centrale: il rapporto fra le generazioni, che, da sempre, costituisce il fondamento necessario della società. Solo che i ritmi accelerati della civiltà attuale tendono a schiacciare tutti i rapporti umani in una sorta di retorica del gesto e della ripetizione di schemi formali: i giovani presuntuosi e insofferenti a qualsiasi suggestione che rompa le loro convinzioni (“bah, roba da vecchi”), gli adulti distratti e sbrigativi (“su su… abbiamo altro da pensare”), gli anziani mortificati, intimiditi o, all’opposto, sentenziosi (“ah, ai tempi miei…”). E sono situazioni che viviamo quotidianamente in casa e per strada, a scuola o al mercato. Al tempo stesso però noi sappiamo bene quanto questi atteggiamenti siano soltanto una facciata, che si sgretola quando ci sia l’occasione dell’incontro e tutti siano sullo stesso piano, a partire dal reciproco rispetto: il lavoro in bottega, una festa collettiva, le riunioni di partito, le cerimonie religiose. In tutti questi casi tra le varie generazioni si crea, necessariamente, una reciproca attenzione e fiducia, che diventa condivisione, emozione, e alla fine può diventare un risultato tangibile, un prodotto. Solo che queste occasioni bisogna pensarle, costruirle, organizzarle, creando spazi e momenti di incontro e di dialogo.
Sono queste le premesse del Premio Generazioni, un premio che sorge all’interno del Progetto Memoria dello SPI CGIL, e che costituisce una articolazione ambiziosa del Premio LiberEtà che si basa sulla collaborazione dello Spi con FLC e con l’Associazione PROTEO Fare Sapere. Al fondamento del premio c’è la convinzione del presente come storia: la convinzione cioè che il presente sia il punto attuale, e perciò precario, di un processo continuo. È una prospettiva entusiasmante e sorprendente, perché nessuno dei soggetti (giovani, adulti, anziani) sa chi incontrerà e dove arriverà. Dunque niente operazione nostalgia o esaltazione del tempo passato, nessuna supponenza o insofferenza, ma una lettura critica del passato che è fondamento del presente, effettuata attraverso il dialogo e l’incontro tra generazioni.
L’edizione 2007 del premio ha visto la partecipazione convinta di scuole, associazioni, centri anziani di tutta Italia, e ognuno con le forme e le modalità più diverse: semplici dattiloscritti, disegni di bambini, video e DVD. E come sempre accade la giuria: Alba Orti, Andrea Borghesi, Tito Cortese, Marilena De Angelis, Giorgio Nardinocchi, Marcello Teodonio, Samantha Di Donato e Gabriella Romano, ha dovuto ragionare un bel po’ prima di arrivare a decidere, giacché tutti i testi apparivano in qualche modo degni di attenzione.
Diciamo anzitutto che il concorso dimostra ancora una volta la necessità e la potenzialità di questi momenti di incontro, che peraltro, come sappiamo, già avvengono in molte scuole e comunità. Dunque l’appello che la giuria rivolge a tutte le strutture e a tutti gli addetti nei vari settori (scuole, centri anziani, associazioni) è proprio quello di favorire questi momenti, e magari di recuperare lavori che di sicuro sono stati effettuati, perché questo concorso davvero potrebbe diventare una bella e qualificata presenza culturale nella nostra società.
Fra tutti i lavori presentati la giuria ha deciso di premiare (e il premio consiste nella pubblicazione del lavoro presentato al concorso) Cosa rimane della memoria, interviste, disegni, fotografie, ricordi e commenti effettuati dagli allievi della scuola elementare Pio Borri di Arezzo e della scuola media Dovizi di Bibbiena (AR) su fatti accaduti durante la seconda guerra mondiale. Il lavoro si è svolto lungo due anni: nel 2006 gli allievi hanno fatto i disegni tratti dai racconti degli anziani, nel 2007 hanno proceduto alle interviste e alla raccolta di fotografie. E adesso, nel 2008, vedranno finalmente la realizzazione del loro lavoro con la pubblicazione del libro!
Gli insegnanti che hanno coordinato i progetti sono: Maria Vittoria Borri, Tiziana Causarano, Alessandra Mucci, Giuliana Travi, Rosa Vetta, in collaborazione con Antonella Bacciarelli, Claudio Repek, Adriana Sensi.
La giuria ha anche deciso di premiare altre due opere: si tratta di due video dedicati l’uno agli Anni in movimento (una ricostruzione degli avvenimenti del 68), realizzato dagli studenti dell’Istituto di Cinematografia Roberto Rossellini di Roma, e l’altro a L’eccidio di Isoverde (accaduto durante la seconda guerra mondiale), prodotto dagli alunni dell’Istituto Statale Pontedecimo di Genova.

Il libro “ La civiltà che sudava ” vincitore dell’edizione 2006 sarà presentato alla Sala Provinciale di Pesaro il giorno 5 marzo p.v. ed il video sull’eccidio di Isoverde in occasione della conferenza di organizzazione dello Spi di Genova, il 26 febbraio 2008.

Roma, 21 gennaio 2008.

FERMIAMO L’AUTONOMIA DIFFERENZIATA!

Nei prossimi giorni potrai firmare
per il referendum abrogativo.

APPROFONDISCI