Iscriviti alla FLC CGIL

Home » Comunicati stampa » Scuola, gabbie salariali: dal Governo solo risposte che dividono il Paese. Ci opporremo fermamente

Scuola, gabbie salariali: dal Governo solo risposte che dividono il Paese. Ci opporremo fermamente

Comunicato stampa della Federazione Lavoratori della Conoscenza CGIL

07/12/2023
Decrease text size Increase  text size

Roma, 7 dicembre 2023 - Invece di aumentare gli stipendi, trovando le giuste risorse per il rinnovo del contratto Istruzione e Ricerca 2022-24, il Governo pensa evidentemente a come abbassarli. 

Solo così possiamo interpretare l'approvazione nottetempo dell’ordine del giorno presentato dalla Lega che vorrebbe introdurre una distinzione dello stipendio, in particolare del personale della scuola, attraverso “una quota di reddito correlato al luogo di attività”. Si immagina dunque non solo di retribuire diversamente chi lavora al Sud, al Centro e al Nord, ma anche chi lavora nelle aree metropolitane rispetto a chi lavora nella provincia. Niente di nuovo sotto il sole, ciò significa reintrodurre le gabbie salariali in un Paese che avrebbe soprattutto bisogno di superare i divari territoriali che lo affliggono.

Con l‘autonomia differenziata il Governo vuole dividere il Paese e con le gabbie salariali punta a dividere anche i lavoratori tra di loro. La FLC CGIL continuerà ad opporsi fermamente a questi progetti divisivi e continuerà a lottare e mobilitarsi per una scuola pubblica unitaria e per dignitose retribuzioni per tutto il personale della scuola e su tutto il territorio nazionale.

FERMIAMO L’AUTONOMIA DIFFERENZIATA!

Al via la
campagna referendaria.

APPROFONDISCI